Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

  • Pubblicato in Economia

Il modello giapponese

di Renato Gatti

Premessa

Il vice-premier Matteo Salvini dice che dopo le europee non dovremo più ripagare all’Europa i 23 miliardi dell’Iva. Quei miliardi in effetti non dobbiamo ripagarli all’Europa che non ce li ha mai chiesti, ma derivano dalla legge di stabilità che il ministro Salvini, ha predisposto e che è stata approvata dal parlamento col voto determinante del suo partito. Ma si sa, il gretto semplicismo con cui Salvini presenta i problemi è perfettamente organico all’ignoranza di gente cui risulta estremamente complicato interpretare una frase con anche una sola subordinata, abituata com’è a slogan perentori e maschilmente virili.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Sociale

Fra 25 Aprile e Primo Maggio

di Giandiego Marigo

Un periodo dell'anno notevole, importante sotto moltissimi aspetti, la primavera si consolida (ammesso che non continui a piovere) ed in Italia si festeggiano di seguito la Liberazione dal nazi-fascismo e la festa dei lavoratori. Per un laico-socialista o comunista la vera Pasqua (bel senso letterale del termine Rinascita).

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Economia

La minaccia di una patrimoniale

di Renato Gatti

Premessa: si definisce imposta patrimoniale quella che non colpisce il reddito ma il patrimonio del contribuente; essa può essere annuale (come l’Imu) o una tantum (come quella sui conti correnti bancari fatta da Amato nel 1992), può avere come scopo la riduzione del debito o la riduzione delle disuguaglianze o entrambe le cose.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Cultura

Lettera di Marx a Pavel Vasilevič Annenkov

Bruxelles, 28 dicembre 1846
rue d'Orléans 42, Fbg. Namur

Caro signor Annenkov,[1]

avrei risposto già da molto tempo alla Sua lettera del 1° novembre, se il mio libraio non mi avesse inviato il libro di Proudhon "Philosophie de la misère" solo la settimana scorsa. L'ho scorso in due giorni, onde poterLe comunicare immediatamente la mia opinione. Siccome ho letto il libro molto in fretta, non sono in grado di scendere in particolari e non posso che comunicarLe l'impressione generale che mi ha fatto. Se Lei lo desidera, potrei addentrarmi in particolari in una seconda lettera.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Economia

La filosofia della flat tax

di Renato Gatti

Il ministro Salvini definisce la flat tax come una proposta rivoluzionaria, per giudicare questa affermazione occorre, a mio avviso, addentrarci nella conoscenza delle origini e della filosofia che ispira questa politica fiscale.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Economia

Un elemento di socialismo

di Renato Gatti

A monte della nostra proposta per un Fondo di solidarietà finalizzato alla socializzazione dei mezzi di produzione nella prospettiva di un’economia completamente robotizzata, troviamo delle considerazioni storiche, filosofiche e politiche.

Leggi tutto...

Riportiamo il socialismo a casa

di Manuel Santoro

Il compito ultimo di una forza politica socialista è lavorare per il superamento del capitalismo. Non ci possono essere mezze misure. L’obiettivo ultimo dell'umanità è superare il sistema economico capitalista il quale va sostiuito con il socialismo. Il capitalismo uccide poiché è l'unica vera causa che rende l'essere umano merce. Il socialismo, al contrario, è l’unico antidoto che può renderci veramente liberi.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Cultura

Che fare? – I. Dogmatismo e “libertà di critica”

di Vladimir Lenin

d) Engels e l’importanza della lotta teorica

"Il dogmatismo, il dottrinarismo", "la fossilizzazione del partito sono il castigo inevitabile della violenta compressione del pensiero": ecco i nemici contro i quali scendono in lizza i campioni della "libertà di critica" del Raboceie Dielo. Siamo felicissimi che tale questione sia stata posta all’ordine del giorno; ma proporremmo di completarla con la seguente:

Chi sono i giudici?

Leggi tutto...

Decreto crescita (salvo intese)

di Renato Gatti

Leggiamo alcuni tra i  provvedimenti presi, salvo intese, dal governo il 4 aprile. L’impressione è che, a seguito di questi provvedimenti, il PIL non aumenterà in modo tale da toglierci tutte le preoccupazioni che la lettura dei dati economici ci sollevano.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS