Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Tax expenditures

Tasse Tasse

di Renato Gatti

La revisione delle tax expenditures ed al limite la loro soppressione finalizzata all’introduzione della flat tax è un argomento che va, a mio parere, approfondita anche al fine di appurare se tali “spese fiscali” (è questo il termine italiano) siano giustificate, efficaci ovvero “inutili o dannose” se non frutto di pressioni lobbistiche scaturenti in scambio di voti, come sostengono i 5S.

Ciò va chiarito perché spesso si invocano agevolazioni fiscali per aiutare, nei limiti degli “aiuti di Stato”, settori produttivi o situazioni familiari o sociali meritevoli di attenzione; chiarire cioè se le spese fiscali facciano parte di una legittima politica fiscale tesa a regolare o correggere il più rigido liberismo anche nell’ottica di una economia sociale di mercato.

Aiuta in questo lavoro la pubblicazione, scaricabile da internet, di un “Rapporto sulla spesa sociale” che elenca tali spese, le quantifica negli anni 2018, 2019 e 2020, le riepiloga per missione e per tipo di imposta implicata, il numero delle singole voci esaminate ammonta a 466.

Cominciamo allora dall’elenco di tali spese fiscali per missione con loro effetto sul bilancio fiscale e l’indicazione del numero di leggi o provvedimenti agevolativi:

  1. Missione                                                      Importo mln. €      Numero voci

  9    Agricoltura Politiche agroalimentari Pesca              1.649                       22

 10   Energia e diversificazione fonti energetiche             861                        29

 11   Competitività e sviluppo imprese                          2.457                       59

17    Ricerca e innovazione                                         1.310                        7

13    Mobilità e sistemi trasporto                                 926                           4

19    Casa e urbanistica                                            18.180                       37

20    Tutela della salute                                             4.387                         12

21    Beni culturali e paesaggistici                                 224                         33

22/23 Scuola e università                                           990                         17

24    Diritti sociali e famiglia                                       3.518                        58

25    Politiche previdenziali                                         138                           8

26    Politiche per il lavoro                                        14.632                       40

28    Riequilibrio territoriale                                        866                         14

29    Politiche finanziarie e tutela finanza pubblica       4.765                       115

30    Giovani e sport                                                130                         11

31    Turismo                                                           11                           1

TOTALE                                                                 54.942                      466

 

Questo stesso importo, ripartito per imposta, presenta i seguenti dati:

IRPEF                                                                                                                  36.104

IRES                                                                                                                    593

IRPEF/IRES                                                                                                           4.197

IVA                                                                                                                      1.392

BOLLO REGISTRO IPOCATASTALI                                                                            5.321

DONAZIONI E SUCCESSIONI                                                                                   13

ACCISE                                                                                                                3.154

REGIMI SOSTITUTIVI                                                                                             1.441

ALTRO                                                                                                                  2.727

TOTALE                                                                                                                54.942

Ripartito per soggetti e categorie di beneficiari, abbiamo:   

ASSOCIAZIONI ENTI NO PROFIT ONLUS                                                             316

BANCHE E ASSICURAZIONI                                                                             1.828

IMPRESE E SOCIETA’                                                                                       3.521

PERSONE FISICHE                                                                                          40.460

PERSONE FISICHE E GIURIDICHE                                                                       2.723

PERSONE GIURIDICHE                                                                                      202

SOGGETTI E CATEGORIE PARTICOLARI                                                              5.826

STATO E ENTI PUBBLICI                                                                                     8

N.D.                                                                                                                58

TOTALE                                                                                                         54.942

 

Vediamo ora, gli importi superiori a 500 mln di € identificando la missione, l’importo e la finalità, ordinati in ordine decrescente di incidenza, raggruppando le spese assimilabili. Questa parte del lavoro serve a verificare se le agevolazioni siano inutili o addirittura dannose o se invece si possono considerare come una attività incentivante settori in difficoltà e meritevoli di aiuto (questo, in fondo, è il residuo miserevole di quella che una volta era la politica di programmazione e che è stata abbandonata nel clima liberista che stiamo attraversando): 

  1. Missione Importo     Descrizione sintetica

1         26            8.964         Si tratta dei famosissimi 80 euro. Questa voce è quella che con più probabilità potrebbe essere usata per finanziare                                 

la flat tax anche se dovrebbe essere lasciata facoltà ai beneficiari ex percettori degli 80€ di non aderire alla flat tax perché i benefici della stessa sarebbero annullati dalla perdita degli 80 euro.

                                      -----------------------------------------------------------------------------------------------

2        19            6.045        Detrazione al 50% delle spese di ristrutturazione delle abitazioni; a questa agevolazione vanno accoppiate la

           19            3.630        deduzione della rendita catastale della casa adibita ad abitazione principale,

           19            1.030        la detrazione per interessi passivi per i mutui ipotecari per l’acquisto o la costruzione dell’abitazione principale,

           19            1.620        detrazione per la riqualificazione energetica, climatizzazione e riscaldamento degli edifici,

           19            1.611        minor gettito causato dall’introduzione della cedolare secca al 21% 0 al 15% per i canoni concordati,

           19            1.375        misura fissa dell’imposta di registro sull’acquisto della prima casa,

           19               690        misura fissa dell’imposta catastale sull’acquisto della prima casa. Tutte queste agevolazioni se cancellate verrebbero a deprimere in modo sostanzioso un settore attualmente già in crisi come quello della edilizia; sarebbe quindi il caso di considerare attentamente l’eliminazione di detti incentivi finalizzati anche a favorire le giovani coppie nel farsi una propria casa, una finalità sociale difficilmente raggiungibile con le deduzioni previste dalla flat tax nella formulazione oggi proposta.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

3         26            2.438        esenzione irpef delle pensioni di guerra di ogni tipo. A questa agevolazione vanno accoppiate altre quali,

           26            1.136        perdita gettito per detassazione premi di produttività con imposta sostitutiva al 10%,

           26               571        esclusione dalla base imponibile irpef della somministrazione alimenti nelle mense aziendali o il riconoscimento di  indennità sostitutive. 

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

 4         24            1.801       esclusione dalla base imponibile degli assegni familiari e dell’assegno per il nucleo familiare. Questa voce è simile alla detrazione prevista dalla flat tax crescente al crescere del nucleo familiare.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

 5        29            1.755       perdita gettito per imposta sostitutiva di imposta di registro, bollo, ipotecaria e catastale nel settore del credito,

           29               578        esenzione imposta registro per i contratti di assicurazione e riassicurazione,

           29                664       perdita di gettito irpef, irap e iva per il regime forfettario, tale spesa è destinata ad aumentare con il provvedimento previsto nella finanziaria 2019 che ha ampliato l’area del regime forfettaria.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

6        13              1.264      riduzione accise sul gasolio per autotrasporto. Le accise quando colpiscono i fattori della produzione sono ingiustificabili in quanto vanno a colpire la competitività e quindi la redditività; è meglio creare utile tassabile che non rendere difficile la creazione dell’utile. Qui allora non va abolita l’esenzione ma va abolita l’accisa. Si veda il caso Alcoa in Sardegna. Le accise sull’energia elettrica rendono non competitive le produzioni energifaghe quali ad esempio quella dell’alluminio. Il ministro Calenda aveva promesso una riduzione di dette accise affinchè una società svizzera riprendesse la produzione all’Alcoa. Il subentrato ministro Di Maio, ad oggi, non ha onorato quell’impegno e la produzione di alluminio rimane ferma (e quindi lo stato perde le accise), i lavoratori allo sbando, l’alluminio non prodotto.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

7       11            1.131      trattasi dei risparmi di imposta per le agevolazioni Calenda del superammortamento e dell’iper ammortamento. In questi    si sta pensando a reinserire le agevolazioni con le maggiori facilitazioni originariamente introdotte. Sarebbe quindi assurda l’eliminazione di questa agevolazione che pare aver incrementato di percentuali a due cifre gli investimenti in industria 4.0. La misura piuttosto che come agevolazione fiscale che, usando soldi dei contribuenti, vanno a vantaggio del capitale, dovrebbero essere trasformate in partecipazioni della comunità (un nuovo piano Meidner) nelle imprese beneficiate.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

8         9                 865         riduzione accise su prodotti energetici nei lavori agricoli. Valgono le stesse considerazioni fatte al punto 6.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

9        17                727         crediti d’imposta per attività di ricerca e sviluppo. Per questa voce vale quanto detto alla voce 7 e che riportiamo: La misura piuttosto che come agevolazione fiscale che, usando soldi dei contribuenti, vanno a vantaggio del capitale, dovrebbero essere trasformate in partecipazioni della comunità (un nuovo piano Meidner) nelle imprese beneficiate.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

10        10              586         canone forfettario delle accise nelle abitazioni residenziali

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

11        28              541         credito imposta per nuovi investimenti nel Mezzogiorno. Anche qui vale lo stesso commento dei punti 7 e 9: La misura piuttosto che come agevolazione fiscale che, usando soldi dei contribuenti, vanno a vantaggio del capitale, dovrebbero essere trasformate in partecipazioni della comunità (un nuovo piano Meidner) nelle imprese beneficiate.

                                               -----------------------------------------------------------------------------------------------

12      20            529          deduzione dei contributi versati ai fondi integrativi del servizio sanitario nazionale.

Totale          39.550

 

Conclusioni

Abbiamo dettagliato voci che totalizzano 39.550 mln € pari al 72% del monte tax expenditures. A nostro avviso non abbiamo rilevate voci “inutili o dannose” come sostengono i 5S, anche se alcune misure, in particolare quella degli 80 euro, è a nostro parere sbagliata. Infatti si spendono 10 miliardi ogni anno pensando di agevolare i consumi cioè incrementare la domanda. Ma la domanda aggregata keynesiana è composta, oltre che dai consumi, anche dagli investimenti e dalla spesa pubblica. Purtroppo non è automatico che gli 80€ vadano tutti in consumi nazionali (se vanno in importazioni danneggiano la domanda aggregata) ma in parte sono trattenuti, risparmiati (trappola della liquidità). E’ generalmente accettato che siano gli investimenti gli utilizzi a più alto moltiplicatore, mentre la riduzione delle imposte si colloca tra gli impieghi a basso moltiplicatore. Se pensiamo che si è rimessa in moto l’Ilva con tutti i suoi dipendenti e quelli dell’indotto, con soli 5 miliardi, ci perplime il fatto che con i soldi degli 80 € si potrebbero fare due interventi della stessa dimensione ogni anno.

Il fatto politico più rilevante, tuttavia, è quello che l’eventuale cancellazione delle tax expenditures vanificherebbe quel poco di politica programmatoria ancora operata nel nostro paese. Il parlamento per indirizzare, guidare, promuovere, incentivare le scelte economico in un senso piuttosto che in un altro ha a disposizione solo le agevolazioni fiscali; cancellare questi strumenti vuol dire togliere allo stato ogni possibilità anche vagamente programmatoria per dare, di conseguenza, piena e totale potestà di governo dell’economia al capitale.

L’indicazione data dal governo Conte di cancellare le tax expenditures per finanziare una incostituzionale flat tax, pare quindi completamente da disattendere.

Devi effettuare il login per inviare commenti