Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Sulle fasi della società capitalistica

di Manuel Santoro

L’imperialismo è una questione economica, strutturale, da cui la relativa componente politica, e non solo, si erge in tutta la sua brutalità. Considerare l’imperialismo come atteggiamento meramente politico è teoricamente, e di conseguenza politicamente, errato e tale fu l’errore di tanti esponenti di primo piano del socialismo internazionale, e tale è l’errore che ancora in tanti commettono oggi.

Leggi tutto...

Società e Stato

di Manuel Santoro

La società odierna è la società capitalistica, che esiste in tutti i paesi civili, più o meno libera di aggiunte medievali, più o meno modificata dallo speciale svolgimento storico di ogni paese, più o meno evoluta. Lo Stato odierno, invece, muta con il confine di ogni paese. Nel Reich tedesco-prussiano esso è diverso che in Svizzera; in Inghilterra è diverso che negli Stati Uniti. Lo Stato odierno è dunque una finzione. Tuttavia i diversi Stati dei diversi paesi civili, malgrado le loro variopinte differenze di forma, hanno tutti in comune il fatto che stanno sul terreno della moderna società borghese, che è soltanto più o meno evoluta dal punto di vista capitalistico.” [1]

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Sociale

Se trenta ore vi sembran poche

di Giandiego Marigo

Questo punto è “condiviso” in tutti i compartimenti del partito, non si tratta di una “conquista” squisitamente sociale, ma ha fortissime implicazioni sul piano della socialità. Meglio di me potranno parlarne coloro che si occupano di lavoro e, va detto, si tratta di un obbiettivo di “lungo corso” all'interno della sinistra radicale, oggi purtroppo messo un poco troppo da parte e silenziato.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Sociale

L'impoverimento è appena cominciato

di Giandiego Marigo

Le cifre sono molto alte, si parla di 46 miliardi di euro nel passaggio dal retributivo al contributivo. Una cifra sensibile e molto pesante. Anche se, diciamolo, c’è sempre un margine di arbitrarietà e di mistero attorno a queste affermazioni.

C’è, però, un’altra considerazione da fare, di cui si preferisce parlare poco o nulla o forse, peggio, si preferisce non parlare affatto. Questa considerazione è “chi pagherà lo scotto” di questo risparmio, eventuale ed ipotetico?

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS