Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Economia

Gramsci e l'economia

di Renato Gatti

Scrive Perry Anderson nelle sue “Considerations on western marxism” del 1976 che “il silenzio di Gramsci sui problemi dell’economia fu pressoché totale”.

In effetti negli scritti di Gramsci non ci sono testi squisitamente economici come siamo abituati a leggerli nei testi degli economisti, ma, al contrario, si trovano parecchi punti che affrontano tematiche di carattere economico da un livello più elevato, che non le formule ed i grafici, ma legati a questioni di ragionamento di classe e come fondamento per elaborare quel contenuto teorico da usare come base comune di una cultura del “blocco storico” che ricerchi spazi di egemonia.

Leggi tutto...

Il declino della classe media

di Renato Gatti

Nel Manifesto di Marx si legge che:  "Quelli che furono finora i piccoli ceti intermedi, i piccoli industriali, i negozianti e la gente che vive di piccola rendita, gli artigiani e gli agricoltori, tutte queste classi sprofondano nel proletariato, in parte perché il loro esiguo capitale non basta all'esercizio della grande industria e soccombe quindi nella concorrenza coi capitalisti più grandi, in parte perché le loro attitudini perdono il loro valore in confronto coi nuovi modi di produzione. Così il proletariato si recluta in tutte le classi della popolazione."

Leggi tutto...

La lotta di classe esiste e l'hanno vinta le multinazionali

di Renato Gatti

Parafrasando (e modificando) la famosa frase di Warren Buffet multimiliardario statunitense, affronto in questo articolo la situazione della guerra mondiale in atto, per ora solo a livello fiscale, dove lo strumento bellico tipico sono i dazi doganali.

Leggi tutto...

L'output gap

di Renato Gatti

Nel cinquantenario della disputa fra le due Cambridge

Il primitivismo di Salvini

Nel programma economico della Lega c’è l’utilizzo del parametro di Maastricht del 3% del PIL quale livello del disavanzo. Il 3% vale circa 50 miliardi, importo che Salvini indica come obiettivo per finanziare il suo programma fatto soprattutto di flat tax a favore di una vastissima area di artigiani, commercianti, minimi imprenditori, a favore cioè della sua massa elettorale bottegaia. Le conseguenze del suo progetto sarebbero disastrose ma non è di quelle che voglio parlare, ciò che voglio rimarcare è che il 3% è un parametro previsto dai trattati senza alcun fondamento scientifico, così come il 60% del ratio Debito/PIL, e non è un diritto incondizionato.

Leggi tutto...

Demografia e rivoluzione 4.0

di Renato Gatti

Premessa

Nei prossimi 40/50 anni, l’orizzonte cui confrontarsi per impostare fin da oggi la nostra azione politica, dovremo affrontare due grandi temi: quello climatico e quello demografico. Mi soffermo sul secondo tema in quanto mi sento più coinvolto ed attrezzato con la mia formazione culturale. Pare altamente probabile un aumento della popolazione africana tale da far parlare di “bomba demografica”, ciò ci pone come problema quello delle probabili emigrazioni di massa ma, più importante, quello di mettere in moto un processo di sviluppo del continente africano che non può non riportarci alla mente la proposta di Olof Palme.

Leggi tutto...

MES: la riforma ci renderà ancora più schiavi

di Massimiliano Grazioli e Manuel Santoro

Convergenza Socialista è contraria alla modifica del Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) in discussione in questi giorni semplicemente perché è contraria a qualsiasi controllo tecnocratico e burocratico dei processi economici interni all’Europa. Convergenza Socialista, organizzazione politica socialista e avanguardia del socialismo scientifico, combatte la gabbia liberista europea e lotta per la destrutturazione di questa Europa del capitale e della finanza, per il raggiungimento dell’Europa socialista, quindi dei popoli.

Leggi tutto...

Per non tirare i remi in Barca, ricominciamo da 3

di Renato Gatti

Premessa

Nella recente tre giorni del Pd a Bologna, la seconda giornata è stata aperta da Fabrizio Barca che ha dato una sferzata con un intervento che, tra le altre cose tese a aiutare il partito a sfuggire al pericolo di una semplice gestione dell’esistente, ha proposto una iniziativa radicale. “Per rafforzare la protezione collettiva dei giovani, prima mossa: trasferire ad ogni ragazzo al compimento dei 18 anni, un’eredità pari a 15mila euro: un trasferimento universale, perché, per una volta, tutte e tutti siano sullo stesso piano e per accrescere la libertà di ogni giovane dalle pressioni famigliari; non condizionato, perché mira a responsabilizzare; accompagnata da un servizio abilitante, offerto attraverso la scuola e l’intera comunità sin dalla più giovane età, per riequilibrare le differenze di capacità nella futura decisione di impiego dell’eredità.

Leggi tutto...

Sotto l'albero europeo. La riforma del MES

di Renato Gatti

Premessa

Nel mese di dicembre è scadenzato l’esame ed eventuale approvazione della riforma del MES (Meccanismo Europeo di Stabilità), è una riforma abbastanza seria che non sarebbe bene che l’Italia prendesse sottogamba, cosa che purtroppo ha fatto altre volte. Ma veniamo al MES: nasce dalla trasformazione del FESF (Fondo Europeo di Stabilità Finanziaria) ed ha lo scopo di fungere da “lending of last resort” ovvero intervenire o dichiarare di voler intervenire contro la speculazione che mette sotto attacco i titoli di un qualsivoglia stato europeo aderente.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS