Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Le bombe prodotte in USA uccidono civili in Yemen

di Maddalena Celano

Il presidente Trump considera il commercio di armi come generatore di posti di lavoro per le aziende, come Raytheon, che ha effettuato miliardi di vendite con la coalizione saudita. Inizialmente anche l'amministrazione Obama ha appoggiato i sauditi, ma in seguito si è pentita della morte di migliaia di persone.

Le armi fornite da compagnie americane, approvate da funzionari americani, hanno permesso all'Arabia Saudita di proseguire la spericolata campagna guerrafondaia e terrorista contro lo Yemen. Ma nel giugno 2017, un influente senatore repubblicano ha deciso di tagliarne la produzione, negando l'approvazione per le nuove vendite. Fu il momento che avrebbe potuto fermare il massacro.

Ma non sotto il presidente Trump.

Con miliardi in palio, uno degli aiutanti favoriti dal presidente Trump, il consigliere commerciale Peter Navarro, dopo essersi consultato con i produttori di armi americane, ha scritto un promemoria per Jared Kushner e altri alti funzionari della Casa Bianca, chiedendo un intervento, possibilmente dello stesso signor Trump. Lo intitolò "Accordo di vendita di armi nel Medio Oriente in estremo pericolo, imminente perdita di posti di lavoro".

Nel giro di poche settimane, i sauditi furono di nuovo liberi di acquistare armi americane.

L'intervento, sottolinea un cambiamento fondamentale nella politica estera americana, sotto il sig. Trump, che spesso solleva considerazioni economiche circa i posti di lavoro legati all’ industria bellica. Laddove in passato le vendite di armi straniere venivano per lo più offerte e trattenute per raggiungere obiettivi diplomatici, l'amministrazione Trump le perseguiva principalmente per i profitti che generano e per i posti di lavoro che creano, con scarsa considerazione del modo in cui le armi vengono utilizzate.

Il signor Trump ha sfruttato il sig. Navarro, un economista della California noto per le polemiche contro la Cina, come canale tra l'Ufficio Ovale e l’industria bellica. La sua amministrazione ha anche riscritto le regole per le esportazioni di armi, accelerando la vendita di armi ai militari stranieri. Il Dipartimento di Stato, responsabile delle licenze per gli accordi sulle armi, ora ha il compito di promuoverle in modo più aggressivo.

"Questa Casa Bianca è stata più aperta ai dirigenti del settore della difesa rispetto a qualsiasi altra …”, ha affermato Loren B. Thompson, analista di lunga data che consulta i principali produttori di armi.

L’abbraccio di Trump alle vendite di armi ha contribuito a prolungare un conflitto che ha ucciso più di 100.000 persone, nella nazione più povera del mondo islamico, destabilizzando ulteriormente una regione già instabile, secondo una recensione di migliaia di pagine di documenti e interviste con più di 50 persone, con conoscenza della politica o che hanno partecipato al processo decisionale.

I produttori di armi americane, che vendono ai sauditi, affermano di essere responsabili nei confronti degli azionisti e di non fare nulla di male. E poiché le vendite di armi, a militari stranieri, devono essere approvate dal Dipartimento di Stato, le compagnie affermano di non prendere decisioni politiche, ma solo di seguirle.

Ma con il peggioramento della situazione nello Yemen, almeno una società, la Raytheon Company, ha fatto di tutto per influenzare le decisioni dei funzionari americani. Hanno fatto di tutto per influenzare senatori e deputati, anche dopo che i membri del Congresso hanno cercato di aumentare le vendite in Arabia Saudita “per motivi umanitari”.

Dopo che la guerra in Yemen è iniziata, nel 2015, e l'amministrazione Obama prese una decisione affrettata nel sostenere i sauditi, Raytheon ha registrato oltre 3 miliardi di dollari di vendite di nuove bombe, secondo un'analisi dei registri del governo USA.

Intento a portare a termine gli accordi commerciali, Raytheon ha seguito il playbook del settore: ha approfittato delle scappatoie federali, inviando ex funzionari del Dipartimento di Stato, che non erano registrati come lobbisti, per spingere i loro ex colleghi ad approvarne le vendite.

E sebbene la compagnia fosse già incorporata a Washington - il suo principale lobbista, Mark Esper, sarebbe diventato Segretario dell'Esercito USA e poi Segretario alla Difesa USA, sotto il sig. Trump - i dirigenti di Raytheon hanno cercato legami ancora più stretti.

Hanno corteggiato assiduamente il Sig. Navarro, che è intervenuto con i funzionari della Casa Bianca per conto di Raytheon e ha esercitato pressioni sul Dipartimento di Stato.  Mentre la nazione si ribellava alla guerra, una serie di funzionari americani - democratici e repubblicani - tentò tre volte di fermare la “macelleria” bellica, bloccando la vendita di armi ai sauditi. I loro sforzi furono annullati dalla Casa Bianca, in gran parte su sollecitazione di Raytheon.

I registri della Casa Bianca mostrano che le vendite di materiale bellico agli stranieri, facilitati dal governo degli Stati Uniti, sono aumentate bruscamente dopo che il signor Trump è diventato presidente. Durante i primi tre anni del sig. Trump, hanno registrato una media di circa $ 51 miliardi l'anno, rispetto ai $ 36 miliardi dell'anno durante l'ultimo mandato di Obama.

I gruppi dell'industria bellica affermano che i lavori per la difesa sono aumentati di oltre il 3,5 percento, durante i primi due anni del governo Trump.

Ultima modifica ilMercoledì, 20 Maggio 2020 07:46
Devi effettuare il login per inviare commenti