Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Il ministro degli Esteri argentino chiede la presidenza della Banca Interamericana per lo Sviluppo dell'America Latina

di Maddalena Celano

Presso la Banca interamericana di sviluppo (IDB) a Washington, questo 16 luglio 2020, otto ex ministri degli esteri dell'Argentina hanno sottolineato, in una lettera aperta al "consesso storico”, che auspicherebbero che la presidenza della Banca Interamericana per lo Sviluppo (IDB) venga assegnata ad un rappresentante dell'America Latina, in segno di rifiuto della nomina di un candidato da parte degli Stati Uniti.

"Gli ex ministri degli esteri della democrazia argentina hanno lo storico consenso sul fatto che, la presidenza dell'IDB, debba essere presieduta da un rappresentante delle nazioni latinoamericane", afferma la lettera firmata da Susana Ruiz Cerutti, Domingo Cavallo, Adalberto Rodríguez Giavarini, Carlos Ruckauf, Jorge Taiana, Rafael Bielsa, Susana Malcorra e Jorge Faurie.

Gli ex ministri hanno, quindi, reagito alla nomina per la carica di Mauricio Claver-Carone, consigliere delle Americhe, sostenuto dal Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha anche generato disaccordi in altri paesi della regione.

"La cooperazione transnazionale è un vantaggio da preservare, in questi tempi critici, e incoraggiamo tutti i paesi dell'emisfero a mantenere l'eredità delle relazioni multilaterali, nel continente", hanno affermato gli ex ministri che hanno formato governi di diversi colori politici, in Argentina, durante gli ultimi decenni.

Gli ex funzionari hanno sottolineato che “sostenere il consenso storico, sulla presidenza IDB, significhi riaffermare l'amicizia dei paesi delle Americhe e la ricca tradizione multilaterale, in cui gli Stati Uniti hanno fornito, nel caso dell'IDB, un esempio di uguaglianza istituzionale ed equità, per decenni”.

Dalla fondazione della Inter-American Development Bank (IDB), nel 1959, gli Stati Uniti non avevano mai nominato un candidato latino-americano per assumere la presidenza di questa istituzione, incentrata proprio sui progressi dell'America Latina e dei Caraibi.

“In questi momenti cruciali che tutti i paesi dell'emisfero stanno vivendo, ci sforziamo di mantenere il consenso e la solidarietà continentale per rivendicare gli usi e i costumi che, quando consensuali, come è stato finora la presidenza IDB, sono fonti di certezza e fiducia”, ha affermato l’ ex Ministro degli Esteri Argentino.

L'Argentina sta promuovendo la nomina del segretario per gli affari strategici, Gustavo Béliz, nel presiedere la banca regionale e la nomina di Claver-Carone che potrebbe complicare le sue aspirazioni.

Il Costa Rica ha candidato l'ex presidentessa del paese, Laura Chinchilla, (2010-2014) per la posizione.

Le elezioni IDB sono state rinviate alla prima metà di settembre a Barranquilla, in Colombia.

Ultima modifica ilSabato, 25 Luglio 2020 13:56
Devi effettuare il login per inviare commenti