Logo
Stampa questa pagina

L'inganno del Plan Colombia

L'inganno del Plan Colombia

di Maddalena Celano

La strategia del Plan Colombia è stata propagandata da Washington e Bogotá, alla fine degli anni '90 come "un piano globale per il rafforzamento dello Stato, della democrazia, dei diritti umani e della pace in Colombia", ma la sua vera metamorfosi l'ha portata a mostrarsi come la soluzione militare del complesso conflitto socio-politico-militare in questo paese.

Infatti questo piano dà priorità e assegna maggiori risorse alla sua componente militare, i cui bordi hanno raggiunto il porto ecuadoriano di Manta, una base nordamericana fino al 2009 attraverso tre componenti: 1) Il trasferimento di tecnologia all'avanguardia; 2) intelligence elettronica e localizzazione satellitare, che renderebbero possibile il successo del nuovo strumento nell'ottica di garantire l'egemonia degli Stati Uniti in Sud America e 3) la riconversione politica e militare latinoamericana."

Nell'ambito delle varie operazioni antidroga avviate nell'ambito del Plan Colombia, è stato registrato il programma di irrorazione generalizzata di colture illecite in Colombia con il chimico Roundup Ultra. Questo programma ha rappresentato la spina dorsale dell'alleanza bilaterale contro la droga. Il famigerato aumento dell'irrorazione che ha portato a una riduzione delle aree piantate in Colombia costituisce un apparente successo locale che maschera il profondo fallimento di questa strategia nel suo complesso. Il fatto che l'eradicazione si intensifichi ogni anno (nel 2003, ad esempio, è stata fumigata molto di più rispetto al 2002) non deve essere interpretato come il successo di una politica antinarcotici, ma, al contrario, come una conferma del suo fallimento, poiché è segno che ci sono sempre più ettari coltivati ​​a foglie di coca e papavero.

Inaugurato dal governo dell'ex presidente Bill Clinton nel 2000, il Plan Colombia è diventato l'asse della politica antidroga del governo del suo successore, George Bush, nella regione andina. Fino al 2004 gli Stati Uniti avevano stanziato 2,8 miliardi di dollari per la sua operazione, ma le aspettative erano che la regione avrebbe ricevuto circa 700 milioni di dollari all'anno, gran parte dei quali sarebbero stati investiti in assistenza militare per le forze militari colombiane. Secondo i dati forniti dal governo Usa - basati sui dati della Central Intelligence Agency, CIA, sugli ettari di coca coltivati ​​e fumigati -, alla fine del 2002 in Colombia erano 144.450 gli ettari coltivati. Durante il 2003 139.000 di loro sono stati fumigati; tuttavia, alla fine del 2003, 113.850 sono rimasti invariati. 

Nel giugno 2003 è stata lanciata una nuova fase del Plan Colombia, battezzato Plan Patriota, il cui obiettivo era intensificare la lotta al terrorismo e al narcotraffico, con un accento sulle attività di controinsorgenza. Questa nuova fase mise in funzione 18.000 uomini delle forze speciali di tipo commando, addestrati ed equipaggiati per effettuare penetrazioni profonde nel territorio insorto per lunghi periodi. Negli ultimi mesi del 2003 ci sono state diverse visite in Colombia dei massimi rappresentanti dell'amministrazione Bush: il Segretario alla Difesa, Donald Rumsfeld; il Segretario di Stato, Collin Powell; Richard Myers della Casa Bianca e John Walters, lo Zar della droga. L'anno successivo, questo governo ha chiesto al Congresso di aumentare il numero di personale militare e appaltatori autorizzati in Colombia come consulenti e istruttori.

Il Plan Colombia avrebbe dovuto essere concluso ufficialmente alla fine del 2005, il che avrebbe significato che, da quel momento in poi, ogni responsabilità per il programma di irrorazione del glifosato sarebbe ricaduta sulle autorità colombiane. Questa era una prospettiva che disturbava il governo colombiano a causa dei costi di questi programmi che il paese non era in grado di sostenere, motivo per cui la Colombia è riuscita a prolungare i programmi fino al 2009. Tuttavia, all'inizio del 2010, il Plan Colombia continua in vigore e anche se si vocifera sulla riduzione del sostegno economico ad essa da parte del presidente Obama, le operazioni sono mantenute e c'è un sentimento nell'ambiente nazionale, supportato da cifre.

È conveniente notare che la maggior parte delle risorse economiche fornite dal governo degli Stati Uniti sono state eseguite da appaltatori di quel paese che agiscono come consulenti. La Colombia, da parte sua, deve investire almeno tre volte di più del bilancio nordamericano, in virtù del quale la voce difesa è annualmente molto più alta dell'istruzione, della sanità, della ricreazione e degli investimenti sociali. 

La storia recente in Colombia mostra che una maggiore spesa per forniture militari non risolve il problema della violenza. Dal 1950 al 1956, i tassi di violenza sono andati di pari passo con i tassi di spesa militare, che alla fine del XX secolo raggiungeva il 4,5% del PIL. La Colombia è il paese latinoamericano con la più alta quantità di risorse in spese militari; mentre il mondo spende il 2,9% del PIL, la media in America Latina è del 2,3% e in Colombia del 4,5%.

Ultima modifica ilVenerdì, 30 Aprile 2021 16:28
Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.