Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

A Cuba il 90% del corpo studentesco è stato immunizzato con Abdala o Soberana 02

di Maddalena Celano

Velázquez Cobiella ha spiegato che, poiché oltre il 90% del corpo studentesco è stato immunizzato con Abdala o Soberana 02, si è deciso di aumentare la frequenza in base alle condizioni di ciascuna città, perché sebbene le lezioni in DAD fossero impartite da gennaio a luglio, ora è vitale lo scambio diretto con l’insegnante per risolvere i problemi di apprendimento.

“Tutti a scuola”, credit foto Andrea Balducci is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

Il ministro dell’Istruzione cubano, Ena Elsa Velázquez Cobiella ha spiegato che, poiché oltre il 90% del corpo studentesco è stato immunizzato con Abdala o Soberana 02, si è deciso di aumentare la frequenza in base alle condizioni di ciascuna città, perché sebbene da gennaio a luglio sono stati tenuti corsi in DAD, lo scambio diretto con l’insegnante è ora vitale per risolvere i problemi di apprendimento.

La scuola elementare, media e superiore cubana riprenderà l’anno scolastico a Cuba l’8 novembre, ad eccezione dei residenti nelle province di Las Tunas, Granma, Holguín, Camagüey, Villa Clara e Mayabeque, da quando hanno iniziato la vaccinazione contro il COVID- 19 una settimana dopo il previsto.

In un’apparizione alla trasmissione Tavola Rotonda, il Ministro dell’Istruzione, Ena Elsa Velázquez Cobiella, ha riferito che gli studenti di queste sei province si uniranno alle aule il 15 novembre, insieme al resto degli studenti della scuola primaria e dell’asilo. Nel caso di Las Tunas, inizierà il periodo scolastico 2021-2022, così come sei comuni di Cienfuegos che hanno compiuto notevoli progressi nonostante la pandemia.

Velázquez Cobiella ha spiegato che, poiché oltre il 90% del corpo studentesco è stato immunizzato con Abdala o Soberana 02, si è deciso di aumentare la frequenza in base alle condizioni di ciascuna città, perché sebbene le lezioni in DAD fossero impartite da gennaio a luglio, ora è vitale lo scambio diretto con l’insegnante per risolvere i problemi di apprendimento.

Ha assicurato che nelle visite alle province è stato verificato il rispetto delle misure igienico-sanitarie per prevenire i contagi.  Si garantisce l’ igiene dei trasporti e degli alimenti nei centri interni e semi-sanitari, oltre alla mensa scolastica, di cui beneficia più del 40% di chi frequenta la scuola media.

In questo momento, 14 istituzioni educative nel Paese non inizieranno il processo di insegnamento, poiché sono in fase di disinfestazione. Mentre 32 scuole (su 398) continuano ad essere utilizzate nella lotta alla pandemia. Gli oltre 3.000 studenti colpiti da queste circostanze si trasferiranno.

Il ministro dell’Istruzione ha sottolineato la situazione delle divise scolastiche, poiché la mancanza di materie prime costringe a privilegiare la consegna della stoffa alla scuola dell’infanzia e alla quinta elementare ma, man mano che il tessuto arriva nel paese, i set (i completi) verranno realizzati e progressivamente consegnati alle famiglie.

Per quanto riguarda l’assegnazione dei posti negli asili nido, ha precisato che i posti mancanti saranno completati, dal momento che le nuove strutture sono state inaugurate e restaurate, ma la massiccia offerta per il secondo anno di vita dipenderà dal completamento dell’anno accademico 2020-2021.

 

 

Ultima modifica ilDomenica, 14 Novembre 2021 11:06
Devi effettuare il login per inviare commenti