Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

  • Pubblicato in Esteri

La miopia política y la cultura en revolución

Por Luis Darío Martos González

Quien escribe no es militante del Partido, ni funcionario de ninguna organización de masa o social, tampoco es funcionario público ni directivo de una entidad estatal. Es un agricultor urbano, no jubilado y promotor de un proyecto comunitario que promueve el desarrollo de la cunicultura, la cultura, la educación medio ambiental, la salud mental y trabaja por el desarrollo de la agricultura familiar urbana en pequeños espacios.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Esteri

Iconografia del polemico pendolo del 12 ottobre

di Martha Alvarez

Il sentimento decolonizzante delle donne dei popoli originari, le rivendicazioni del gruppo di etnia Misak  e il confronto con una iconografia degradante e contraria al senso d’umanità.

Il continente americano è una bella terra di libertà, imprenditoria e tolleranza. Nonostante, l’agire dei governi in tutti i campi, ancora oggi, ogni lavoratore intellettuale e manuale si può trasferire in ricerca del proprio Dorato. I muri della geopolitica non possono fermare la mobilità dei popoli.  In fatti, dall’avvio dei viaggi di Cristoforo Colombo nel 1492, sono stati i popoli originari residenti nel continente americano a soffrire gli atti di genocidio, violenza, saccheggio, spostamento forzato e imposizione delle forme che hanno forgiato la società attuale.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Cultura

Lista d’Attesa: metafora del sogno politico nel bel mezzo di una “crisi sistemica”

di Maddalena Celano

Quando la crisi impone la fatalità della scelta

Durante la quarantena, mentre riordinavo la mia videoteca, scorgo un vecchio film cubano che mi piacque molto, in tempi non sospetti: Lista d’ Attesa.

Il film è ambientato a Cuba, nei primi anni ’90, durante il “periodo especial”, periodo in cui la società cubana subì una grande  crisi  con conseguente e repentino impoverimento/pauperizzazione di tutta la sua popolazione.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Cultura

Gli operai e i contadini non vi capiscono

di Vladimir V. Majakovskij

Traduzione  di Amedeo Anelli

Da «Kamen’» n. 53, Rivista  internazionale di poesia e filosofia, -giugno 2018.

 

Non ho ancora sentito nessuno vantarsi a questo modo:

«Quanto sono intelligente! Non capisco l’aritmetica, non capisco il francese, non capisco la grammatica!»

Ma l’allegro grido «Non capisco i futuristi!» perdura da quindici anni, si affievolisce e di nuovo risuona con accento derisorio e pieno di soddisfazione.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS