Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Femminismo

Contro il liberismo reazionario: intersezionalità

di Mariarita Galentino

Spopola il “femminismo” liberale, made in USA, ma molto presente anche in Italia. Colorato, pop, innocuo, capace di sconvolgere il significato di parole quali autocoscienza, inclusività, autocritica, pienamente complice dei rapporti di dominio e potere, spopola, e si affretta a regolamentare privilegi vecchi di secoli spacciandoli per libertà femminili.

Leggi tutto...

Femminismo sì, ma anticapitalista

di Mariarita Galentino

Le immagini delle marea femminista in lotta ormai in ogni angolo del pianeta tolgono il fiato e riempiono di speranza: donne, giovanissime, soggettività diverse, tutte insieme e tutte in piazza a gran voce. Numeri impressionanti che non si vedevano da tempo.

Proprio per questo è fondamentale assumere il femminismo respingendo il pericolo di un addomesticamento che lo rende innocuo, incapace di impensierire la mascolinità egemonica, e addirittura caro ad essa.

Leggi tutto...

La truffa del “sex work”: donne migranti condannate alla prostituzione

di Maddalena Celano

Uno dei miti più convincenti sulla prostituzione è che sia “la più antica professione”. Le femministe abolizioniste che desiderano vedere la fine del commercio sessuale, la definiscono "la più antica oppressione" e resistono all'idea che la prostituzione sia semplicemente "un lavoro come un altro".

Leggi tutto...

Donne, Femminismo, Lgbt+: eredità di coscienza e di rivolta

di Mariarita Galentino

“Qual è la cosa peggiore che puoi dire ad una donna? Non tirarti indietro adesso. Stai pensando probabilmente a parole come puttana, cagna, troia, (ti ho chiesto di non trattenerti!), vacca.

Ok. Adesso qual è la cosa peggiore che puoi dire ad un uomo? Frocio, femminuccia, cagna, figa. Ho sentito persino il termine mangina (da man, uomo + vagina).

Cosa noti?

La cosa peggiore che puoi dire ad una ragazza è che è una ragazza.

La cosa peggiore che puoi dire ad un ragazzo è che è una ragazza.

Essere donna è l’insulto peggiore”.[1]

Leggi tutto...

La politica del “lavoro sessuale” é compatibile con il marxismo e la sinistra?

di Maddalena Celano

Il Manifesto del Partito comunista fa riferimento alla sessualità in due modi: attraverso l’analisi della famiglia e attraverso l’analisi della prostituzione, che sono presenti in tutti gli scritti di Marx.  Le prostitute sono esseri sociali che per definizione vivono al di fuori della società, classificate né come lavoratrici, né borghesia, ma sempre come “sottoproletariato”. 

Leggi tutto...

La sfida femminista nella storia socialista

di Maddalena Celano

É opportuno rivedere alcuni dibattiti tra femminismo e marxismo. Pur riconoscendo i risultati della storia delle donne, è fondamentale analizzare i tentativi di fondare una storia del femminismo, della teoria patriarcale e del post-strutturalismo.  Cercando di comprendere cosa costituisca una teoria della storia, si sostiene che sia il patriarcato che il post-strutturalismo non possano sostenere la nozione di storicità. Il dibattito sulla legislazione protettiva nella Gran Bretagna, nel diciannovesimo secolo, è vista come esempio di  divergenze tra interpretazioni marxiste e femministe. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS