Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

La prostituzione è combattuta o dibattuta?

di Maddalena Celano

I tentativi per sdoganare il prossenetismo

È vero che il profilo delle persone che si prostituiscono è cambiato nelle nostre città, che le "prostitute nazionali" vengono sostituite da "prostitute straniere". Ma è anche vero che non tutte le straniere che si prostituiscono sono state trafficate, molte hanno accesso alla prostituzione perché viene presentata loro come unica strategia per sopravvivere con facilità (anche se non è mai così facile come viene loro raccontato) e guadagnare i denari necessari che consentano di accedere ai beni di consumo. In sintesi: da anni avanza un processo di “glamourizzazione” del fenomeno prostituente.

Inoltre, è giunto il tempo che, di fronte alla prostituzione, il volto del cliente appaia come un fattore chiave del fenomeno. Parliamo sempre di vittime e trafficanti e dimentichiamo che il cliente è un aspetto fondamentale di questo business degradante.

Un anno fa, in Spagna, il Consiglio Generale della Magistratura ha informato che i magistrati del tribunale nazionale hanno deciso di dichiarare nullo lo statuto dell'Organizzazione dei lavoratori del sesso (OTRAS) in quanto hanno ritenuto inammissibile che, la portata funzionale dell'azione di un sindacato, comprenda attività che, a causa della loro natura, non possono essere oggetto di un contratto di lavoro valido, come la prostituzione per conto di altri o prossenetismo. I magistrati rispondono quindi alle richieste presentate dalla Commissione per l'indagine sui maltrattamenti delle donne e la Piattaforma dell’ 8 de Marzo de Sevilla, entrambe posizionate a favore dell'abolizione del lavoro sessuale, considerando che la prostituzione non possa essere paragonata al “lavoro”. Una posizione condivisa dalla deputata regionale Beatriz Gimeno, dalla filosofa Ana de Miguel e dalla direttrice di Feminicidio.net, Graciela Atencio.

Il problema con OTRAS è che, diventando un sindacato, riconoscerlo indirettamente significherebbe riconoscere anche i datori di lavoro (tenutari e prosseneti), perché un sindacato può esistere solo finché esiste un'organizzazione dei datori di lavoro, sostiene Beatriz Gimeno, una femminista abolizionista, deputata di Podemos nell’Assemblea di Madrid. Legalizzare OTRAS significherebbe offrire un rapporto contrattuale ad uno scopo illecito e ammettere tale sfruttamento. Quindi, OTRAS ha allertato sia il governo che il femminismo abolizionista, nonostante l'esistenza di iniziative di sex worker organizzate in sindacati, come la sezione sindacale dell'Intersidical in Catalogna.

Gimeno avverte che “questo è il percorso scelto da altri datori di lavoro del sesso (papponi) in altri paesi: formare false unioni di prostitute che indirettamente inducono i datori di lavoro (i papponi) a normalizzarsi come lavoratori e ottenere riconoscimento giuridico”. Una logica perversa. Secondo Gimeno, l'abolizionismo non perseguita le donne che praticano la prostituzione, ma mira piuttosto a indicare la strada verso la sua abolizione. Un percorso che includa misure sociali, legislative, educative, orientamento al lavoro e cura della salute. 

La filosofa spagnola Ana de Miguel, alla domanda su quali siano le sue ragioni come abolizionista, sottolinea come si sia sentita demoralizzata e stanca, fino ad arrivare a scrivere una lettera a El País nel 2004, dopo aver visto diverse pagine di annunci sulla prostituzione. Dice che il giornale che leggeva da quando aveva quindici anni e che raccomandava ai suoi studenti, ogni giorno pubblicava diverse pagine di annunci sulla prostituzione e molte donne ritratte sembravano ragazzine (o minorenni). Inizia così un lavoro di ricerca che, nel 2012, si è concluso con la pubblicazione dell'articolo La prostituzione delle donne, una scuola di disuguaglianza umana e poi il libro Neoliberalismo, il mito della libera scelta (Cátedra, 2015).

Il suo percorso, tuttavia, proveniva da molto più lontano: si laureò con una tesi sul rapporto tra femminismo e marxismo e ha studiato A. Kolontaj (...). Tutti i marxisti erano abolizionisti. Anche Flora Tristán, la Repubblica Spagnola, John Stuart Mill (...) tutti gli autori su cui aveva lavorato avevano argomenti molto interessanti sul perché fossero contro la prostituzione nel XIX e XX secolo (…).

Le tesi che le avevano proposto, secondo cui la prostituzione sia qualcosa di meraviglioso, non le sono mai entrate attraverso l'intelligenza o attraverso il cuore.  Sul perché OTRAS ha alzato il tono di un dibattito sempre doloroso e complicato tra le femministe, De Miguel aggiunge: “Gli abolizionisti hanno fatto uno sforzo negli ultimi anni per discutere, diffondere, pensare ... e vi sono molte più persone che hanno iniziato a vedere con occhi diversi quella che qualcuno chiamerebbe la visione egemonica della prostituzione, che è quella di Pretty Woman”.

Graciela Atencio, giornalista responsabile di Feminicidio.net - un sito Web di riferimento nelle indagini sulla violenza sessista - spiega che la sua posizione è direttamente correlata al suo lavoro di ricerca sui femminicidi. “Esiste un legame tra femminicidio e prostituzione perché le prostitute, nel patriarcato, indicano il corpo femminile più disponibile”. “Nell'era del neoliberismo, la prostituzione è diventata non solo un'industria, ma l'ultimo privilegio cui gli uomini aspirano per continuare ad avere potere sulle donne”.

Inoltre, secondo Atencio, “in Spagna la prostituzione fa parte del ritratto di un paese destinato prevalentemente al turismo e che offre solo sole e spiaggia. Se la Spagna è una delle principali destinazioni turistiche, ovviamente il turismo sessuale fa parte dell'industria turistica”, spiega. “In questo contesto, non è conveniente per noi favorire la lobby dei magnaccia, creando un modello in cui le donne povere e emarginate abbiano la prostituzione come opzione”.

L'abolizionismo non mette in discussione le donne che affermano di volersi prostituire. Cosa dice un'abolizionista femminista a una donna che afferma di essere una prostituta per scelta? “Non dice nulla, è un'opzione che il patriarcato ci prepara. Quindi finché esisterà il patriarcato ci sarà sempre l'opzione. Non ho nulla contro le donne che lo fanno, ma un sistema che ha bisogno di produrre prostitute, impoverisce le donne affinché si dedichino a questa attività”, dice Gimeno.


La scorsa settimana, scrissi su www.ilsudest.it questo lungo articolo:

Più del 90 percento delle donne che praticano la prostituzione in Spagna sono straniere e, di queste, il 95 percento, lo fa costretta dalle circostanze (certamente non come “libera scelta”), secondo i dati dell'Istituto Andaluso delle Donne “nessuna è per strada per piacere, la prostituzione è una necessità. È la necessità che ti porta a provare, lo vedi come un modo semplice per vivere, ma in realtà non lo è”, afferma la vicepresidente di CATS (Comitato di supporto per i lavoratori del sesso), Vanesa Vera, che ha vissuto nella sua carne lo stigma dell'essere immigrata, prostituta e transessuale.

Nonostante la crisi, la Spagna è il paese con il maggior numero di consumatori di prostituzione all'interno dell'Unione Europea. Il 39 percento degli uomini spagnoli ha pagato per servizi sessuali secondo l' “Associazione per la Prevenzione, il Reinserimento e la cura delle donne prostitute” (APRAMP). Sul sito web di ANELA si possono procurare delle informazioni (l’Associazione nazionale dei proprietari di attività commerciali e locali), sono i dati utilizzati nella relazione sulla prostituzione della Commissione mista sui diritti della donna dei tribunali generali, approvata in 2007. Secondo questo testo, la spesa giornaliera per la prostituzione in Spagna, è di circa 50 milioni di euro, oltre 18.000 milioni di euro all'anno, un'attività molto redditizia che riporta agli imprenditori del settore un reddito di circa 45.000 euro all'anno per prostituta.

È vero che l'attuale situazione economica ha spinto in strada molte più donne, anche spagnole, anche se in percentuale molto più ridotta. Il tipo di prostituzione delle donne spagnole è sempre stato più invisibile, di solito si prostituiscono nei loro appartamenti, una prostituzione di livello superiore rispetto alle prostitute di strada. Ma ora c'è molta più concorrenza negli appartamenti e molte donne spagnole ora sono costrette a uscire anche per la strada.

Sono proprio le donne e le ragazze più giovani a farsi pagare 10 o 15 euro a prestazione. Sia nella letteratura che nel linguaggio quotidiano troviamo spesso ambiguità nel definire la prostituzione: linguaggi molto connotati - razzisti, sessisti, classisti - o che sembrano focalizzarsi solo su alcuni elementi o aspetti del mondo della prostituzione. Inoltre, il modo di nominare pratiche e elementi riproduce ideologie e posizioni politiche.

Da parte nostra, non possiamo evitare di usare le parole che condizionano il nostro pensiero. Un altro chiarimento è che, in molti testi accademici, si parla di prostituta “al femminile”, sebbene anche, in diversi passaggi, si faccia riferimento alla prostituzione maschile. Senza ignorare che esistono uomini, travestiti e transessuali nei circuiti prostitutori, manterremo l'uso del termine femminile per diversi motivi:

  1. la prostituzione è storicamente e ancora oggi un'istituzione patriarcale, sostenuta dal desiderio e dal potere sessuale degli uomini;
  2. la prostituzione si basa sull'asimmetria tra uomini e donne e, anche nei circuiti omosessuali o transessuali, quelli che pagano per il sesso sono prevalentemente  uomini;
  3. la prostituzione eterosessuale e femminile resta la netta maggioranza e, in generale, si riproduce attraverso meccanismi e dinamiche diverse dalla prostituzione omosessuale e transessuale.

Esistono due visioni polarizzate della prostituzione: una di esse la caratterizza come una relazione tra due persone che mettono in gioco concetti contrattualisti - decisioni basate sulla libertà personale, libertà sessuale, scelta, mercato, servizio - ammettere che il corpo stesso, o il sesso, sia un bene commercializzabile; un altro la concepisce come un sistema organizzato, una "industria del sesso" che include una varietà di attori sociali - "clienti", protettori, stati, uomini, donne e settori economici complementari, come società pubblicitarie e turistiche, alberghi, industria pornografiche, etc. Ma tra le due visioni vi sono molte altre demarcazioni del fenomeno prostitutorio. A volte è limitato a un atto criminale o un comportamento "deviante".  Le prospettive, l'enfasi o gli aspetti non presi in considerazione hanno conseguenze nelle proposte e nelle politiche, che a volte possono essere complementari o opposte e contraddittorie.

Di conseguenza, c'è inevitabilmente una polarizzazione nei dibattiti sulle politiche da adottare.

Nella letteratura accademica, troviamo affermazioni che sostengono il fatto che “alcuni comportamenti sessuali (...) siano caratterizzati come atti di prostituzione. Questo non dipenderebbe dai comportamenti stessi, ma dal modo di percezione e dalla definizione sociale dello stesso”. Esistono individui che considerano le prostitute come donne promiscue, le segretarie che dormono con i loro superiori per avanzare nella loro carriera o le donne sposate che fanno sesso in cambio di denaro o benefici. Probabilmente, l'associazione più nota è quella che assimila il matrimonio alla prostituzione. Paola Tabet, antropologa italiana, sottolinea l'esistenza di un continuum tra matrimonio e prostituzione, poiché in entrambe le istituzioni vi sarebbero "scambi economici e sessuali tra donne e uomini". La differenza è che nel matrimonio le donne forniscono anche altri servizi, mentre nella relazione di prostituzione si limitano ai servizi sessuali. Tabet riconosce anche altre differenze, come modalità di relazione, forme di contratto, durata, ecc.

Il testo di Tabet è apparso su Les Temps Moderns nel 1987 e, come lei stessa ha spiegato, l'idea ha generato rifiuto nel pubblico occidentale. Sulla base dei suoi studi, delle società non occidentali e anche, in passato, in quelle occidentali, si afferma chiaramente che «il sesso è il capitale delle donne, la loro terra e che dovrebbero usarla correttamente». Ciò che è chiaro è che nelle argomentazioni riconosce l'asimmetria di potere tra uomini e donne, poiché solo le donne forniscono "servizi sessuali" e coloro che pagano sono uomini, il che implica una sessualità subordinata, sebbene Tabet non usi mai questa espressione. Invece, sostiene che coloro che pagano "non riconoscono la stessa urgenza, lo stesso bisogno e la stessa autonomia sessuale dell'altra persona, che mette la propria sessualità al servizio dell'altra", il che si traduce  “nella rinuncia delle donne al loro propri desideri sessuali”.

Viene spesso citata Simone de Beauvoir che, nel suo famoso libro Il secondo sesso del 1949, afferma che, da un punto di vista economico, la prostituta e la donna sposata occupano posizioni simmetriche. «Per entrambe, l'atto sessuale è un servizio; la seconda è impegnata con un solo uomo per tutta la vita; La prima ha diversi clienti che pagano per i diversi servizi sessuali». Sebbene poche righe poco più in basso affermi  anche la grande differenza tra loro è che la donna legittima, oppressa come una donna sposata, è rispettata come persona umana [non sempre o necessariamente, aggiungo]. Mentre la prostituta non gode di alcun diritto e rispetto e “riassume, allo stesso tempo, tutte le figure della schiavitù femminile”. L'idea di un continuum tra la casa famigliare e il bordello è presente in numerose autrici, tra cui la sociologa americana Kathleen Barry, che, tuttavia, è una delle più note autrici e militanti della corrente abolizionista. Nel suo libro del 1979 Sexual Slavery of Women, assimila la prostituzione a una forma di schiavitù e la definisce in questo modo: «La prostituzione è sia un sintomo di un ingiusto ordine sociale che un'istituzione che sfrutta economicamente le donne». Ma rifiuta l’idea che il potere economico sia l’ unica causa, poiché esiste una dimensione prettamente sessuale del potere (la negazione della “libido” femminile giacché il sesso, per la donne, resta una merce da cedere ed alienare in cambio di soldi). In un secondo libro, pubblicato nel 1995, ribattezzò la prostituzione come "industria del sesso" per spiegare il processo secondo cui il sesso diventa “ciò che non lo era: una merce  (…) La prostituzione è la forma più estrema e cristallizzata di sfruttamento sessuale, condizione politica e base per la subordinazione delle donne”. Include anche la partecipazione di vari settori correlati: catene alberghiere internazionali, compagnie aeree, bar, sexy club, negozi di massaggi, bordelli, ecc.

Negli ultimi anni, le posizioni a favore della prostituzione come lavoro sessuale sembrerebbero predominare, sebbene con differenze, e ci sono anche, ovviamente, posizioni abolizioniste.

Le prostitute "sono la carne produttiva subalterna del capitalismo globale", afferma P.B. Preciado, senza scontrarsi con la sua difesa del diritto al lavoro sessuale.

Il lavoro sessuale consiste nella creazione di un dispositivo masturbatorio:

- attraverso il tocco, il linguaggio e la messa in scena;

- in grado di avviare i meccanismi muscolari, neurologici e biochimici che regolano la produzione di piacere del cliente. La prostituta non vende il suo corpo ma trasforma (...) le sue risorse somatiche e cognitive in una forza di produzione vivente. (...) La sua pratica dipende dalla sua capacità di teatralizzare una scena di desiderio;

- Il  suo compito è creare forme specifiche di piacere attraverso la comunicazione e le relazioni sociali. Come tutto il lavoro, il lavoro sessuale è il risultato di simboli, linguaggio e affetti.

Di fronte a questa definizione eufemistica, Andrea Dworkin - scrittrice e attivista femminista americana - si concentra sugli aspetti più  concreti e realistici.

Andrea vuole tornare alle basi. La prostituzione cos’è?  È l'uso del corpo di una donna da parte di un uomo per fare sesso, l’ uomo paga con dei soldi e fa quello che vuole. Nel momento in cui ci si allontana da ciò che è realmente la prostituzione, ci si allontana dal problema e si entra nel mondo delle idee. Edulcorando il problema ci si sentirà meglio; sembra tutto più divertente. C'è molto da discutere, ma si discuterà  di idee, non di prostituzione. La prostituzione non è un'idea. È la bocca, la vagina, il retto, di solito penetrato da un pene, a volte dalle mani, a volte dagli oggetti, da un uomo e poi da un altro, e poi da un altro, e poi da un altro, e poi un altro. Questo è quello che è.

La relazione tra prostituzione e tratta è l’ asse presente non solo negli attuali dibattiti, ma anche negli ultimi 150 anni, sia a livello nazionale che internazionale. Dalla fine del diciannovesimo secolo, fino alla metà del ventesimo secolo, il problema ha portato a interventi di organizzazioni internazionali come la Società delle Nazioni, gli Stati e le organizzazioni della società civile che si sono riuniti nell'approvazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), della Convenzione per la repressione del traffico di persone e dello sfruttamento della prostituzione altrui, del 1949.

La separazione tra tratta e prostituzione è evidenziata dai settori a favore della legalizzazione del lavoro sessuale, che ritengono che la legislazione basata sulla Convenzione del 1949 mescoli entrambi i fenomeni. Questa separazione è messa in discussione dai settori abolizionisti, che ritengono che tratta e prostituzione siano interconnesse. La differenza tra entrambe le correnti si basa sul modo in cui si pensa alla prostituzione. I movimenti “sex workisti” rifiutano solo la tratta in cui vi sia inganno o vengano utilizzate forme coercitive e violente, ma sostengono che molte donne che vogliono emigrare, sia a livello nazionale che internazionale, non abbiano altra scelta che ricorrere a organizzazioni clandestine di traffico e tratta di persone, e lo facciano per scelta, senza alcun inganno: insomma, molte donne trafficate lo sarebbero consapevolmente e “per scelta”. Le correnti abolizioniste sostengono, invece, che la tratta è una forma di reclutamento che ammetta la natura criminale e organizzata della prostituzione e ciò va oltre le modalità: aperta, ingannevole, seducente o coercitiva - usata dalle organizzazioni dei magnaccia. Le abolizioniste sostengono che, in pratica, non sia possibile differenziare le donne vittime della tratta da quelle che non lo sono, entrambe sono ugualmente sfruttate sessualmente, i luoghi di sfruttamento sono gli stessi e anche le reti di tratta e i protettori sono gli stessi. Un altro argomento è che la distinzione fatta dalle “sex workiste” contraddica la Convenzione del 1949 ancora in vigore.

Molti autori, dal punto di vista economico, si oppongono alle migrazioni per motivi economici, senza ignorare che esistono anche fattori legati alla discriminazione nei confronti delle donne. Dolores Juliano ritiene che la prostituzione e il traffico dovrebbero essere differenziati giacché "le prostitute hanno problemi comuni con il resto dei lavoratori" e cita Joe Bindam, che ammette il traffico di esseri umani come strategia di migrazione.

Bindam ritiene che sia sciocco classificare come "schiavitù" un'intera industria globale (la tratta), che include enormi variazioni nelle condizioni di lavoro, all'interno di ciascun paese e tra paesi diversi. Questo ci distrae dal compito tanto necessario di porre fine allo sfruttamento umano, in tutti i settori e in tutte le attività (...). La logica di base, di una restrizione dell'industria del sesso, per prevenire pratiche abusive nei confronti degli immigrati clandestini richiederebbe anche l'eliminazione o la limitazione dell'industria tessile e agricola dei paesi più ricchi di qualsiasi regione, poiché è in quelle industrie che si verifica lo sfruttamento abusivo del lavoro, degli immigrati e dei clandestini.

La bibliografia che collega la prostituzione alla femminilizzazione delle migrazioni è sostanziale, senza stabilire una chiara differenziazione tra migrazione e tratta. Numerosi autori sottolineano che i mercanti d esseri umani sono riemersi come una grande impresa emergente. Irene López Méndez sostiene che "non tutte le reti di traffico illegale di persone sono reti di schiavi" e concorda sul fatto che il problema principale sia la vulnerabilità generata dallo status di migrante illegale e le difficoltà a ottenere un lavoro onesto e regolare, il che obbliga le donne ad entrare nei mercati del lavoro non regolamentati, come il servizio domestico o la prostituzione.

Non è neanche chiaro quale sia il concetto di “lavoro” alla base delle posizioni di chi considera la prostituzione come “lavoro sessuale”. C'è chi  si rivolge a Karl Marx per giustificare il lavoro sessuale e chi si rivolge a lui per l’ esatto contrario. Tra coloro che hanno una visione economicista della prostituzione ci sono i settori marxisti, femministi, liberali e neoliberisti. Quando la sinistra o altre correnti affermano che la prostituzione sia un “lavoro” come tutti gli altri, si concentrano prettamente sullo sfruttamento economico. Non contemplano affatto lo sfruttamento sessuale. Già il socialista argentino Alfredo Palacios ha usato il Capitale di Marx per affermare che la prostituzione sia un'istituzione inerente all'attuale regime economico. In realtà, per Marx, "la prostituzione è solo una forma specifica di espressione della prostituzione generale dei lavoratori", cioè non le garantisce una propria identità. Tuttavia, in Marx, vi sono due riferimenti specifici alla prostituzione che non sembrano affatto connotarla come legittima attività lavorativa: il primo, facendo una distinzione tra merce e prostitute, che considera "merce delicata" - sebbene le ponga allo stesso livello degli attrezzi agricoli o delle pelli (quindi la prostituta è classificata tra le merci, certamente non tra la classe lavoratrice); il secondo, quando sostiene che la mercificazione generalizzata converte in oggetti di scambio ciò che è stato “precedentemente donato ma mai venduto; le cose che sono state acquisite ma mai acquistate: virtù, amore, opinione, coscienza». Per Marx - come per molti autori delle più diverse correnti - il lavoro è considerato un'attività socialmente necessaria per la sopravvivenza (non correlata al tempo libero o al piacere personale). Perciò la prostituzione, anche in questo caso, sfugge alla definizione di “lavoro”.

Le correnti critiche  suggeriscono che mentre Marx ha scoperto la logica del Capitale, non ha fatto lo stesso con la logica patriarcale strutturata. Pateman, nel suo noto libro The Sexual Contract, sviluppa diversi argomenti che confutano l’idea che il contratto sessuale sia un contratto commerciale. «La storia del contratto sessuale afferma che la prostituzione fa parte dell'esercizio della legge sul diritto sessuale maschile, uno dei modi in cui gli uomini si assicurano l'accesso ai corpi delle donne. (...) La storia del contratto sessuale rivela anche che ci sono buone ragioni per cui "la prostituta" debba essere una figura femminile».  Di fronte alle critiche secondo cui le prostitute imbroglino o sfruttino i loro clienti, sostiene che queste situazioni "devono essere distinte dalla prostituzione come istituzione sociale. All'interno della struttura dell'istituzione della prostituzione, le "prostitute" sono soggette ai "clienti" e le "mogli" sono subordinate ai "coniugi" nella struttura del matrimonio».

Pateman rifiuta di confondere la prostituzione con “un lavoro come un altro”, perché l'uso dei servizi di una prostituta non equivale all'assunzione di un lavoratore. Sebbene i capitalisti usino i corpi di coloro che assumono, il capitalista non ha alcun interesse intrinseco nel corpo e nella persona del lavoratore, ma è interessato solo ai beni che produce, mentre  gli uomini che pagano una prostituta hanno un solo interesse: il suo corpo. A ciò si aggiunge «la stigmatizzazione per il fatto che le prostitute si discostino dalla norma di offrire il loro tempo e lavoro gratis agli uomini». Un terzo argomento è che nelle società odierne, la partecipazione al mercato del lavoro è il mezzo principale per accedere alla piena cittadinanza. E il riconoscimento migliorerebbe l'autostima, richiederebbe servizi sociali, organizzarsi in cooperative, ecc.

Un altro argomento ripetuto è che la prostituzione sia criminalizzata e che sarebbe necessario depenalizzarla. Molte volte i termini "depenalizzazione" e "legalizzazione" sono usati indiscriminatamente e non è chiaro cosa sia criminalizzato. Non è possibile depenalizzare ciò che non è criminalizzato. Nei paesi abolizionisti (Svezia, Norvegia, Islanda, Irlanda, Francia, etc.) le donne prostituite non sono affatto criminalizzate, se mai lo sono i clienti (anche non sempre e non necessariamente) e i papponi.

Beatriz Gimeno afferma che le posizioni favorevoli alla legalizzazione si trovano in  maggioranza negli ambienti più radicali, di sinistra, alternativi o “strani”, ed esprime il suo stupore per il fatto che “uno degli esempi più chiari di commercializzazione dell'essere umano è difeso da persone che dicono di essere profondamente anticapitalisti”. Aggiunge che sia difficile comprendere come sia possibile che, una delle industrie più redditizie al mondo e tra le più sfruttatrici (l’industria del sesso), una di quelle che generano più denaro per le mafie, non sia mai stata attaccata ardentemente da persone che affermano di essere “di sinistra” o anti-capitaliste. È anche difficile capire come un'istituzione creata dal patriarcato come uno dei suoi pilastri, un'istituzione che svolge un ruolo fondamentale in certe costruzioni sessuali e di genere, abbia finito per essere difesa dalle femministe.

Albert London, un giornalista francese inviato dalla Società delle Nazioni, per indagare sulla tratta di donne europee, nel suo libro più che illustrativo The Way of Buenos Aires, afferma: «All'origine della prostituzione c'è la fame, ma se non ci fosse fame, ci sarebbero donne in vendita fintanto che ci fossero uomini a comprarle, ma sarebbero l'80% in meno».

Molti sono i dilemmi legali posti dall'attuale dibattito, che sono dilemmi sia etici che politici.  Sarebbe un peccato di ingenuità ridurre un problema complesso come la prostituzione al campo legale e, ancor più, ridurlo alle alternative tra legalizzazione / depenalizzazione o abolizione (con le sue varianti).

Zigmunt Bauman afferma che sia più pericoloso non sollevare determinate domande, piuttosto che lasciare senza risposta alcune delle domande considerate politicamente rilevanti. Sollevare cattive domande, spesso, porta a chiudere gli occhi sui problemi reali.

In questo senso, tra le domande a cui dovrebbero rispondere le correnti che propongono di legalizzare la prostituzione come lavoro, sono le seguenti:

  1. Come potrebbe sussistere una prostituzione autonoma?
  2. Come si dovrebbero affrontare le organizzazioni dei magnaccia che ricavano vantaggi proprio dalla regolamentazione?
  3. Se la prostituzione è una forma di sessualità, una scelta legata alla libertà sessuale o un'identità sessuale, perché regolamentare giuridicamente (e, quindi,  contrattualizzare) un comportamento sessuale?
  4. La sessualità non dovrebbe continuare a appartenere al campo della privacy?
  5. Perché ammettere che una pratica sessuale consensuale debba essere regolamentata dallo stato?
  6. Trasformare la sessualità in lavoro non implica uno spostamento che collochi la sessualità nel campo dei “lavori forzati” o fatti “a torto collo”, dal momento che la si collega ai bisogni economici degli individui?
  7. Regolamentare non significa subordinare la sessualità di qualcuno a un servizio e, quindi, in una “sessualità subordinata” al cliente ed allo stato?
  8. Perché parlare di consenso quando si discute del "diritto alla prostituzione"? Si parla del consenso in relazione ad altri lavori? La questione del consenso è tipica delle discussioni sulla sessualità per stabilire i confini tra la sessualità libera e la sessualità coercitiva.

Altre sono le domande alle quali dovrebbero rispondere le correnti abolizioniste. In questo caso, le sfide sarebbero:

  1. Come fermare le organizzazioni dei magnaccia, che non sono solo potenti e hanno legami transnazionali, ma sono anche articolate con attività “legali” (coperture)?
  2. Come cambiare la cultura della prostituzione basata su miti naturalizzati e accettati come verità assolute?

Il vero problema non è sapere se il contratto commerciale che scambia un servizio sessuale con il denaro sia liberamente accettato o meno.

La domanda è se vogliamo veramente generalizzare la “forma prostituente” delle/nelle relazioni umane.

La domanda è se vogliamo un mondo in cui tutto sia pagato unilateralmente (quindi che vengano pagati anche servizi estremamente privati e personali, come la sessualità).

La mercificazione generalizzata delle relazioni e degli organi  umani sembrerebbe coincidere con il totale fallimento della migliore ambizione democratica.

Il contratto sociale non è e non può essere un contratto commerciale!

Ultima modifica ilVenerdì, 20 Dicembre 2019 16:07
Devi effettuare il login per inviare commenti