Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Donne nel bel mezzo di un vortice

Intervista a Yolanda Ferrer, presidente della Federazione delle Donne Cubane

Traduzione di Maddalena Celano

Cuba: donne, rivoluzione e femminismo

Successi e battute d’ arresto del femminismo cubano

La validità della Federazione delle donne cubane è ineccepibile, considera Yolanda Ferrer, una testimone di prim'ordine nella storia recente di Cuba. 

Subito dopo la Rivoluzione del 1959, una donna nera appare sulla prima copertina della rivista Mujeres ; un'altra fu la prima persona a ricevere il titolo di proprietario terriero dopo la firma della legge di riforma agraria. Migliaia di contadine hanno preso d'assalto il popoloso e ingombrante quartiere di Miramar in cerca di lezioni (scolastiche) per la vita, mentre le adolescenti, quasi ragazze, con lanterna in mano, si sono recate in montagna per imparare l'alfabeto. 

Dopo il 1959, molte delle donne che erano in cucina sono scese in piazza a lottare, all’ improvviso. I cambiamenti sociali avvenuti in questo arcipelago durante la seconda metà del XX secolo hanno posto le donne, improvvisamente, al centro di un processo che è stato considerato da Fidel come una "rivoluzione nella rivoluzione".

Yolanda Ferrer, federata per sua stessa decisione, compagna di Vilma durante molte battaglie rivoluzionarie e poi Segretaria Generale della FMC, assicura di aver vissuto quei momenti di cambiamento “come tutti i cubani della sua generazione, immersa in un meraviglioso processo di trasformazione che ha cambiato il corso del le nostre vite".

Proprio quando l'organizzazione a cui ha dedicato molti anni della sua vita compie 60 anni, questa donna, testimone di prim'ordine della storia recente di Cuba, ha parlato con Cubadebate di ricordi e sfide; impegni e lealtà.

  • Come ricorda quel vortice di cambiamenti che si scatenò dopo la vittoria del 1959?

Quando la rivoluzione ha trionfato, le donne erano tra i settori più discriminati e sfruttati della società; destinate, per concetti ancestrali, ad essere mogli esemplari; subordinate ai desideri del proprio partner, destinate solo ad essere buone madri, sempre attente alle esigenze della casa; industriose, obbedienti e al servizio dei bisogni della famiglia. Erano confinate alla vita privata e se avevano determinate possibilità, venivano incorporati nell'insegnamento, poiché la cultura, l'educazione domestica, la conoscenza dell'arte e una professione, anche se di rado potevano esercitarla, erano solo ornamenti preziosi. La maggior parte di loro, sopraffatte dalla povertà e dalla fame - se erano di razza nera o meticce, peggio ancora - adempivano agli obblighi considerati "propri del loro sesso" e lavoravano dove potevano (spesso lavori servili e sottopagati), se riuscivano a trovare un impiego per sostenere la famiglia.

A quel tempo, secondo censimenti inaffidabili, lavoravano circa 194.000 donne, la maggior parte come insegnanti, infermiere, lavoratrici del tabacco o nella sartoria. Erano le meno pagate. Rappresentavano circa il 12 per cento della forza lavoro, con o senza retribuzione. Il 70 per cento erano lavoratrici domestiche o sottoccupate. Circa 100.000 donne sfortunate hanno trovato solo la prostituzione come via d'uscita alla fame, nella maggior parte dei casi per sfamare i propri figli.

Erano la maggioranza degli analfabeti, poiché quando un bambino poteva essere mandato a scuola, le famiglie preferivano i maschi  perché avevano maggiori possibilità di trovare un lavoro in un paese con più di 700.000 disoccupati e un milione di sottoccupati. I servizi sanitari, l'istruzione, il godimento della cultura erano privilegio dei ricchi.

Oggi vogliono presentare un'altra immagine di quella famigerata repubblica, ma quella era la nazione che trovò la Rivoluzione, quando l'esercito ribelle, con Fidel al timone, arrivò per “cambiare tutto ciò che doveva essere cambiato”; anche la situazione e la condizione delle donne, rese suddite in ogni senso della parola.

Dopo il trionfo, sono iniziate immediatamente le minacce, gli attacchi e il sabotaggio da parte del governo degli Stati Uniti. Le donne hanno reagito chiedendo di organizzare, partecipare e difendere la Rivoluzione. Erano determinati a non tornare al passato, ad essere non solo beneficiarie ma anche protagoniste del processo. Quelle che non uscivano mai di casa riempirono le strade. Nel dicembre 1959 e nei primi mesi del 1960, convocate dall'organizzazione femminile già in formazione, si prendevano cura dei bambini abbandonati, si univano come insegnanti nelle scuole, si diplomarono in pronto soccorso, cominciarono a fare volontariato, sono stati formate nel taglio e nel cucito. In breve, hanno risposto a ogni chiamata che è stata fatta, rompendo schemi e combattendo all'interno delle loro famiglie.

In risposta, la Federazione delle donne cubane fu creata il 23 agosto 1960, con migliaia di partner nelle sue basi incipienti.

 Fidel Castro ha assegnato compiti essenziali all'organizzazione: doveva essere portata in tutti gli angoli del paese, doveva occuparsi dei problemi delle donne, organizzarle, promuovere la loro integrazione nello studio, spiegare cosa stava facendo il movimento delle donne nel mondo, tra le altre cose.

Il FMC si è posto come primo compito, insieme alla difesa della Rivoluzione, elevare il livello ideologico, politico e culturale delle donne per metterle nelle migliori condizioni per la partecipazione politica. Nelle delegazioni, già nell'anno 62, si sono svolti dibattiti sulla salute delle donne, furono istituiti corsi sull'educazione sessuale, è stata impartita un’ educazione alla vita e, con la creazione della rivista Mujeres, materiali che hanno contribuito all'analisi di problematiche di tutti genere.

Le proiezioni di lavoro sono nate dai bisogni, dai problemi e dagli interessi delle donne cubane, senza copiare dalle organizzazioni femminili esistenti in altri paesi, o nel campo socialista. Ecco perché è un'organizzazione genuina e indigena. Il metodo sarebbe quello di mobilitare volontariamente le donne per educarle ideologicamente attraverso compiti e, con quella consapevolezza, intraprendere nuove azioni.

Niente era facile, bisognava convincere i mariti, i genitori, i fratelli, casa per casa, che non capivano i motivi per cui, ora che potevano mantenere la famiglia, le donne dovevano uscire e lavorare anche loro.

Erano il 55% degli alfabetizzatori e il 59% delle alfabetizzate.   Adolescenti e alcune quasi ragazze sono andati a portare la luce dell'educazione negli angoli più remoti del Paese. Nel mezzo della lotta contro i banditi, l'assassinio di insegnanti volontari e l'invasione di Playa Girón, le ragazze non hanno abbandonato il loro compito e né le loro madri e padri sono venuti a cercarle.

Insieme ad altre istituzioni, la FMC ha lavorato per lo sradicamento della prostituzione.

 Successivamente è arrivato il seguito con le battaglie per raggiungere il 6° grado d’ istruzione, uno sforzo in cui l'organizzazione ha meritato il Premio Nobodyzhda Krupskaya assegnato dall'UNESCO.

Nasce una legislazione con concetti equi e la Federazione partecipa attivamente a quel processo, proponendo e esprimendo pareri, difendendo le posizioni più avanzate. Basti citare il Codice della famiglia e la Costituzione del 1976. Le donne hanno verificato le proprie possibilità, erano convinte di quanto fossero capaci. Hanno guadagnato rispetto, prestigio, autorità. Nella V Plenaria, Fidel avrebbe sostenuto che "il processo delle donne nella Rivoluzione è una rivoluzione all'interno di un'altra Rivoluzione". Questo breve tour lo spiega. Le donne erano entrate con successo nella vita pubblica.

  • “Personalmente, cosa significa per te aver dedicato più della metà della tua vita a queste lotte?" Qual era la tua prima linea in quel momento?

In realtà, ho dedicato alla FMC più di due terzi della mia vita, 52 anni della mia vita. Ho iniziato a lavorare nella Federazione quando è stata fondata, non avevo ancora 14 anni. Dal 1960 al 1963 sono stata volontaria, all'epoca studiavo per diploma di maturità e lasciai l'Instituto de la Víbora per svolgere i compiti che mi erano stati assegnati. Quando finii l'Istituto, già nel dicembre 1963, divenni una dirigente professionista.

Per me significa un privilegio, un onore, qualcosa di straordinario, aver lavorato così tanti anni insieme a Vilma Espin, imparare ogni giorno dai suoi insegnamenti, meritare la sua fiducia. Significa la mia realizzazione come rivoluzionaria, come essere umano. Mi sono innamorato della sua battaglia, sono cresciuto con la Federazione, sono cresciuto con essa e fa parte della mia vita.

Non ci sono parole per esprimere la statura di Vilma Espin come educatrice, la sua fiducia nel difendere ciò che è giusto; nell'obbligo di difendere un criterio, per quanto difficile possa essere, se abbiamo ragione; il suo senso di onestà e i valori che ha sposato.

La sua difesa della giustizia perché quando ha saputo di un'ingiustizia non si è fermato finché il problema non è stato risolto. Poteva perdonare errori o inadeguatezze, ma mai una bugia. È giusto sottolineare cosa significava per lei il legame permanente con i federati, con i leader di base, con le persone e come le piaceva quegli scambi. E anche la sua sincera modestia, la sua profonda convinzione di essere una cubana come le altre, l'ampiezza del suo pensiero, i suoi contributi alla legislazione, i suoi concetti sulla famiglia, sull'uguaglianza nella sua concezione più ampia. Quella era la mia scuola.

Con lei ho imparato, fin da piccola, a comprendere e rispettare il diritto delle persone al libero orientamento sessuale. Quando penso al concetto di Rivoluzione che Fidel ci ha lasciato, ritengo che sia lo specchio della vita di Vilma, delle sue lotte e del suo lavoro. Come ha espresso quando è scomparsa fisicamente, l'esempio di Vilma è oggi più necessario che mai. Straordinaria l'identificazione tra Vilma e Fidel, le opinioni condivise nelle linee guida da seguire per andare avanti.

Non potete immaginare cosa significhi essere stati testimoni oculari dei sentimenti, delle convinzioni del nostro comandante in capo sui diritti delle donne, sul loro ruolo nella costruzione della nuova società e sulla loro lealtà alla Rivoluzione. Ha promosso politiche, strategie, meccanismi, risorse e azioni. Ha sempre avuto piena fiducia nella FMC, a Vilma, nei suoi leader. Se analizzi le dichiarazioni di Fidel sull'uguaglianza, vedrai che, come Vilma, è avanti rispetto alle studiose femministe in molti concetti sul genere. Potrei anche parlarti di Raúl Castro, del suo ruolo in questa lotta per sradicare ogni tipo di discriminazione, per trasformare i modelli culturali patriarcali, del suo sostegno all'organizzazione. Anche il comandante Machado è sempre stato con noi, guidando, incoraggiando, allertando, sostenendo.

Mi innamorai di quella battaglia, in cui iniziai senza rendermi conto della sua grandezza, della sua portata, senza mai aver pensato che le donne fossero discriminate.

Sono felice di aver lavorato con così tanti preziosi colleghi. Da tutti loro ho imparato molto. La Federazione è un'ottima scuola, dove ricevi molto di più di quanto contribuisci. È il caso di Asela de los Santos, un altro simbolo della lotta rivoluzionaria, un essere umano molto speciale. L'esperienza di ascoltare i loro consigli, di imparare dalle loro esperienze, di scambiare preoccupazioni, di lavorare insieme è indimenticabile. Con lei, mentre ha potuto farlo, con Carolina Aguilar, che ha diretto per 35 anni Mujeres e poi l'Editorial de la Mujer, e in coordinamento con Teresa, l'attuale Segretario generale e il suo team, stiamo lavorando alla storia dell'organizzazione, di Vilma Espin, perché le nuove generazioni lo sappiano, sentano che appartiene a loro e contribuiscano a garantirne la continuità.

Posso dirti che mi rende anche felice di aver formato, insieme al mio compagno di una vita, una famiglia impegnata nella Rivoluzione e nei principi dell'uguaglianza di genere, che non è affatto perfetta, ma cercano di rifiutare le tradizioni culturali discriminatorie. Mia figlia, dal suo fronte legale, è una continuazione coerente della battaglia, mentre mio figlio, le mie nipoti e i miei nipoti condividono diritti e doveri nelle loro famiglie. Ora ho l'onore di lavorare nell'Assemblea nazionale del potere popolare, dove presiedo la Commissione per le relazioni internazionali e faccio parte del 53,2% delle deputate che la compongono. Sono una deputata del comune di Pinar del Río.

  • Vilma diceva che “i compiti della rivoluzione ricominciano sempre da capo”; Isabel Moya, nel frattempo, in una delle sue ultime interviste, ha affermato che l’ errore più grande per le donne a Cuba é pensare che tutto fosse “bello e fatto”. Ritiene che vi siano motivi per riflettere sulla validità del FMC? Quali pensi siano le nostre principali sfide come donne cubane del 21 ° secolo?

Se guardiamo ai cubani di oggi e guardiamo indietro di 60 anni, le conquiste sono enormi e l'opera della Rivoluzione colossale. Le statistiche sono insindacabili. Le donne sono in tutti i settori e a tutti i livelli della vita economica, politica, culturale e sociale del paese. C'è la volontà politica di eliminare qualsiasi tipo di disuguaglianza. La nostra più recente Costituzione è un esempio dei diritti che ci toccano. Tuttavia, a mio avviso, c'è ancora molta strada da fare e la validità del FMC è ineccepibile.

L'esperienza di Cuba mostra che la Rivoluzione e la volontà politica di sradicare la discriminazione non sono sufficienti per ribaltare concezioni discriminatorie, patriarcali, fortemente radicate da secoli di arretratezza nelle coscienze delle persone.

Un'organizzazione di massa come la FMC è tenuta a guidare e sviluppare la lotta, a continuare a riunirsi, preparare donne e uomini, evidenziare le manchevolezze, affrontare atteggiamenti discriminatori, attirare l'attenzione sulle situazioni che influenzano il pieno esercizio dell'uguaglianza di genere, per elaborare strategie e promuovere il dibattito su questi temi. È stato Fidel Castro ad avvisarci, a metà del “periodo special”, di essere vigili nelle nuove e difficili condizioni economiche per evitare contrattempi. E più volte ha sottolineato l'importanza e la necessità della Federazione, come ha ribadito Raúl Castro nell'ultimo Congresso.

Bisogna riflettere e approfondire.

  • Si potrebbe dire che tutte le donne che oggi occupano posizioni decisionali, o che scienziate, professioniste di vari settori ricercatrici incaricate di importanti progetti abbiano raggiunto che, all'interno delle loro famiglie, i loro partner, i loro diritti e doveri siano condivisi? Per quanto riguarda i lavori domestici? Non viene conservato il doppio o triplo carico di lavoro sulle donne? Chi sono i caregiver per antonomasia nelle famiglie cubane? Non sarebbe giusto condividere questa responsabilità quando ci sono anziani, costretti a letto, con difficoltà motorie o che richiedono un'attenzione permanente? In generale, sono le donne della famiglia che si assumono questo compito e abbandonano la vita lavorativa, sebbene non di rado abbiano maggiori responsabilità rispetto agli uomini o salari più alti. È stata sradicata l'idea che esistano giochi per ragazze e giochi per ragazzi, che vengono poi riprodotti nei mestieri o nelle professioni degli adulti? Non si preferisce ancora promuovere un uomo per una responsabilità perché le donne sono costrette a fermarsi o devono essere più assenti per i compiti familiari, o per il fastidio arrecato rincararle con più attività? Le donne sono circa il 30 per cento dei lavoratori autonomi. Ma quali sono le responsabilità che occupano? Abbiamo completamente sradicato l'immagine dell'oggetto sessuale femminile nei videoclip? Si procede sempre in modo appropriato nei casi di violenza di genere, violenza domestica, contro le donne o contro le ragazze? Questi sono solo alcuni esempi.

A  parer mio, la sfida principale come cubani del 21° secolo è, soprattutto, difendere la nostra società indipendente, sovrana, socialista, democratica, prospera e sostenibile, martiana, marxista, leninista e fidelista. Ciò implica resistere e continuare a vincere la guerra genocida, economica, politica, mediatica, culturale impostaci dal governo degli Stati Uniti, combattere il crimine e le manifestazioni di corruzione che giocano a loro favore.

La sfida è lottare per lo sviluppo del Paese, anche nelle condizioni più avverse; come ci ha chiesto il nostro presidente Díaz-Canel, eliminando ogni giorno una parte dei nostri problemi, fino a quando non possiamo risolverli completamente.

Con quanto orgoglio ed emozione abbiamo ricevuto la notizia del  vaccino Soberana 01. Con quale ammirazione vediamo scienziate, accademiche, ricercatrici che contribuiscono con le loro conoscenze; ai medici, alle infermiere, ai tecnici sanitari della Brigata Henry Reeve che contribuiscono alla salute delle persone, alla speranza. Oppure alle donne delle Forze Armate e del Ministero dell'Interno, che compiono le missioni più rischiose, pronte al combattimento.

La sfida è continuare la battaglia per l'uguaglianza di genere e rendere la nostra organizzazione più forte ogni giorno dal basso, come ha espresso il nostro Segretario generale alla Tavola Rotonda nei giorni scorsi. Significa essere fedeli all'eredità di Fidel Castro, di Vilma Espin, convinti che sará possibile, che ogni discriminazione possa e sarà sempre superata.

  • Esiste un femminismo della Rivoluzione? Come riposizionare un femminismo socialista per Cuba dall'eredità di Vilma e dalla vocazione umanista del nostro progetto sociale?

Il femminismo è una teoria della lotta; un movimento molto ampio, esteso, diversificato e plurale; è una corrente politica che include organizzazioni molto diverse con ideologie, esperienze, influenze e obiettivi che rispondono alle esigenze e alle esperienze specifiche di ogni gruppo o paese.

Non si deve aver paura del termine. Ci sono colleghe che dicono: "Lotto per l'uguaglianza delle donne, ma non sono femminista", come se essere femminista fosse un peccato o una debolezza. È vero che in un movimento così diversificato ci sono associazioni di ogni tipo, da quelle progressiste o marxiste, ben dirette, a quelle che sbagliano e focalizzano i propri obiettivi incolpando l'uomo di una cultura discriminatoria che colpisce anche lui.

Intendo per femminismo la lotta per l'uguaglianza delle donne, per la conquista dei loro diritti, per sradicare ogni forma di discriminazione e lavorare in modo in cui le donne occupino il loro giusto posto nella società, con pari diritti, opportunità e possibilità. Si tratta di riconcettualizzare i ruoli sociali e familiari obsoleti stabiliti e assunti, stabilire che sono appunto obsoleti. Se ci riferiamo a quel femminismo, la nostra rivoluzione è femminista.

Fidel Castro, fin da giovanissimo, aveva una visione chiara della liberazione delle donne, ecco perché Haydée e Melba andarono a combattere nel Moncada; Per questo ha creato il plotone Mariana Grajales nella Sierra Maestra e ha tenuto un dibattito storico con i capitani, difendendo proprio il diritto delle donne a prendere le armi. Ecco perché le donne nel “Movimento del 26 Luglio” non sono mai state discriminate. Nel suo primo discorso a Santiago de Cuba, lo stesso 1 gennaio 1959, Fidel Castro propone la cessazione della discriminazione contro le donne e va oltre, afferma che nella città dove gli uomini combattono e le donne possono combattere, quella città è invincibile. Il nostro femminismo è socialista, inclusivo, fidelista, in stile cubano, con Vilma Espin al timone. I suoi obiettivi fanno parte della lotta, della società nel suo insieme.

La Federazione nasce con una vocazione all'unità, raggruppa i settori, le associazioni, le organizzazioni, le sezioni femminili che esistevano, e nello stesso tempo le donne, le operaie, i contadini, le casalinghe, le studentesse, le parti interessate, decise a difendere la Rivoluzione. E vanno ad organizzarsi, a prescindere da credi religiosi, dal colore della pelle, dalle ideologie; si organizzano per la giustizia, per una società migliore, per il benessere dei loro figli e delle loro figlie, per le loro famiglie, per se stessi. Non importava se erano femministe o antifemministe, o se non conoscevano il significato del termine; Non importava se fossero comunisti o se si credessero anticomunisti; Non importava se erano credenti o atei; santeras o spiritualisti;

Penso che sia bello ricordare cosa ha risposto Vilma a una giornalista greca che le ha chiesto del suo apprezzamento per il femminismo:

“Le femministe hanno dato impulso al processo di consapevolezza sociale sull'oppressione delle donne. Credo in particolare nei gruppi femministi che collegano la soluzione dell'oppressione delle donne, della liberazione delle donne, con la liberazione di tutti gli sfruttati, gli oppressi, i discriminati, il che significa affrontare i problemi di oggi- sia economici, sia sociali, sia politici, culturali e ideologici - sotto un prisma di analisi di classe, sesso e razza".

“Sono convinta che i problemi delle donne non possano essere visti isolatamente da altri problemi sociali, non possano essere analizzati al di fuori del contesto economico, né al di fuori di certe situazioni storico-sociali. Pertanto, i problemi delle donne non possono essere risolti da soli, fuori dal loro contesto".

Ritengo che a Cuba il femminismo socialista si collochi nella continuità delle idee filosofiche politiche di Martiane e Fideliste; alla FMC. E ci impegniamo ad andare avanti, vedendo ogni giorno come perfezionare la battaglia per eliminare ogni manifestazione di discriminazione in base al genere, conquistando ogni giustizia e facendo molta attenzione a non fare un passo indietro. È necessario promuovere spazi di confronto, scambio, politiche pubbliche, proposte di ogni genere che contribuiscano ai nostri obiettivi ed educare le nuove generazioni a questi principi.

È il modo migliore per rendere omaggio alle donne cubane che hanno lottato per i diritti delle donne in ogni momento. Ad Ana Betancourt, la prima ad esprimere ai costituenti nel 1869 che le donne, nell'angolo buio e silenzioso della casa, aspettavano una giusta rivoluzione per rompere il loro giogo e sciogliere le loro ali. Ma anche le mambisas che si sono unite alla lotta contro il colonialismo spagnolo, da Cuba e dall'esilio; a Mariana, la Madre della Nazione; alle femministe del XIX e XX secolo, che hanno ottenuto il diritto al voto, al divorzio e altre rivendicazioni; femministe pioniere come Clara Zetkin, Rosa Luxemburg, Alexandra Kollontai, Nadiezhda Krupskaya, Inessa Armand. Insomma, a tutte le donne che hanno aperto la strada al trionfo della Rivoluzione. A Fidel Castro, a Vilma Espin.

Fonte: CubaDebate,  23 Agosto 2020

 

Sito: http://www.cubadebate.cu/especiales/2020/08/23/mujeres-en-medio-de-la-voragine/#.X25o7ZNKhZ0

Ultima modifica ilSabato, 26 Settembre 2020 09:38
Devi effettuare il login per inviare commenti