Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Il prossenetismo organizzato entra nelle Università

di Maddalena Celano

Kit di strumenti per la prostituzione studentesca, da parte dell' Università di Leicester (U.K.)

La Culture Shift collabora con l'Università di Leicester (U.K.) per implementare il proprio strumento di divulgazione di report e supporto per studentesse e studenti “sex workers”.

“Sex worker”, un inglesismo piuttosto vago, quanto modaiolo, inter-classista e generico, che comprende sia datori di lavoro che “lavoratori” dell' industria del sesso (perciò si potrebbe definire un termine corporativista, reazionario e fascista). Ossia comprende le categorie più disparate: prostitute di strada, prostitute che lavorano nei postriboli “legali”, le escort di lusso, i prosseneti, i protettori, i gestori di club privé, gli operatori e i proprietari di hot-line, cam-girl, porno-star e manager di porno-star, spogliarelliste, ballerine di lap-dance, mistress, etc.

Si parla di sviluppo di buone pratiche nell'ambito dell'istruzione superiore: del lavoro sessuale studentesco, della sicurezza e dell' inclusione.

Finanziato dall' ESRC Impact Acceleration Account, questo progetto andrà avanti dal gennaio 2021 fino alla fine del 2023. Teela Sanders, supportata dai ricercatori Gaynor Trueman e Jessica Hyer, realizzeranno un programma di sensibilizzazione negli istituti di istruzione superiore, nonché nelle pertinenti organizzazioni di istruzione superiore per il benessere e l'inclusione dei “lavoratori-sessuali”. Perciò si parlerà di "lavoro sessuale" anche nelle scuole superiore, nei licei e, quindi, tra i minorenni. 

Nel novembre 2019, l'Università e l'Unione degli Studenti ha condotto una campagna congiunta sul sostegno alle studentesse prostitute. L'obiettivo di questa campagna era fornire informazioni e istruzione a coloro che hanno partecipato a eventi e altre sessioni, e sottolineare in modo vitale le opzioni di supporto disponibili. “The Students 'Union” è stata orgogliosa di guidare la campagna per gli Student Sex Workers.

Il professor Nishan Canagarajah , vicerettore dell'Università ha dichiarato:

“Siamo orgogliosi di lavorare con la Student's Union sulla campagna degli Student Sex Workers. La comunità universitaria è vivace e diversificata ed è importante che tutti siano trattati con dignità e rispetto. Ci impegniamo a garantire che tutte le studentesse (e gli studenti) che sono prostituite (e prostituiti) si sentano supportate e apprezzate come parte della comunità di Leicester".1

Dopo questo, Teela, insieme allo staff del sindacato studentesco, ha avviato un gruppo di lavoro presso l'Università di Leicester guidato dal dipartimento sull' uguaglianza, la diversità e l' inclusione, che sta lavorando alla politica universitaria sull'inclusione del lavoro sessuale studentesco.

La UOL è la prima università ad avere una politica dedicata per le studentesse lavoratrici del sesso.

Stanno offrendo un pacchetto di formazione gratuito (online e possibilmente di persona più avanti, nel 2021) per università e college interessati a discutere del lavoro sessuale studentesco e sviluppare attività nella propria organizzazione.

É davvero singolare che, una Università inglese, invece di creare nuove borse di studio e nuove case dello studente, per gli studenti poveri, invece di abbattere le tasse universitarie sempre più esose che costringono studenti e studentesse a prostituirsi, preferisce di gran lunga “normalizzare” l' attività prostituente e il suo sistema, limitandosi ad una retorica e riduttiva “limitazione del danno”.

La cosa è ancora più ridicola se si pensa ai numerosi casi di scandali sessuali, sempre più comuni nelle Università, sia Italiane che Europee, condannati dall' opinione pubblica, che hanno causato la rimozione di diversi docenti universitari. Ovvero, casi di ricatto sessuale che, in un contesto di “normalizzazione” dell' industria del sesso, potrebbero essere classificati semplicemente come richieste di “prestazione straordinaria” da parte dei singoli docenti verso le studentesse (talvolta anche verso gli studenti). Infatti, nei casi in cui il “lavoro sessuale” è stato sdoganato e liberalizzato, come in Olanda o Germania, per le studentesse povere è del tutto normale pagare lezioni di scuola guida, di danza, di recitazione o di qualsiasi altra disciplina con “prestazioni sessuali”.

Il sesso è una “moneta” di scambio come un' altra.

Karl Marx vedeva le prostitute come vittime del sistema capitalista. Nei suoi “Manoscritti economici e filosofici del 1844”, ha descritto la prostituzione come "un'espressione specifica della prostituzione generale del lavoratore". Tuttavia vedeva nell'abolizione universale della prostituzione un aspetto fondamentale per porre fine al capitalismo. Allo stesso modo, nel “Manifesto del Partito Comunista”, ha definito la prostituzione il "complemento" della famiglia borghese e ha predetto che entrambe le istituzioni un giorno sarebbero svanite. Ciononostante, alcuni pseudo-marxisti revisionisti hanno usato la teoria marxista per difendere la prostituzione non come acquisto e vendita di corpi, ma piuttosto come vendita di un “servizio” (il concetto revisionista di “lavoro-sessuale”).

Nel Regno Unito, il dibattito sul presunto “lavoro sessuale” ha diviso il movimento sindacale e socialista. Mentre il GMB ha cercato di organizzare le donne che lavorano nei club di lap dance, nel 2009 il Congresso delle donne dell ' Assemblea Sindacale TUC ha votato contro una mozione che sosteneva la depenalizzazione dell'industria del sesso e la sindacalizzazione delle lavoratrici del sesso. Invece è stata approvata una mozione a favore della criminalizzazione dell'acquisto di sesso. Negli ultimi due anni, l' University and College Union (UCU), il Communication Workers Union (CWU) e Unison hanno preso posizioni diverse su questo dibattito. All'interno del pensiero femminista ci sono punti di vista opposti sul presunto lavoro sessuale e sulla violenza contro le donne. Le femministe radicali, in alleanza con i neo-conservatori, fanno una campagna per l'abolizione della prostituzione e, nel frattempo, sostengono una legislazione che propone la criminalizzazione dei clienti. Altre femministe, molte di loro “accademiche” che farebbero ricerca in questo settore, così come le presunte organizzazioni di prostitute, chiedono la depenalizzazione della prostituzione. Sostengono che, mentre l'obiettivo a lungo termine sarebbe eliminare le condizioni che generano la prostituzione, nel breve termine la priorità sarebbe mantenere le donne al sicuro. Anche se resta un mistero su come sia possibile tenere le donne prostituite “al sicuro” depenalizzando i prosseneti: è uno dei tanti misteri del “sinistrismo-revisionista”.

L' uso del linguaggio sarebbe altrettanto problematico ed emotivo. L'uso del termine "prostituta" sarebbe denigratorio. Il termine è usato per le donne che sono costrette a vendere sesso a causa della povertà e dell' esclusione, mentre l'uso del termine "lavoratrice del sesso" è visto come dignitoso, come una forma di “empowerment” e “glamour”. Tutto questo, è una delle tante conseguenze delle teorie “revisioniste” che preferiscono edulcorare la “sovrastruttura” (la lingua e gli aspetti culturali) anziché modificare le condizioni sociali ed economiche oggettive. Questo articolo non suggerisce affatto che il “lavoro sessuale” sia "un lavoro come un altro", tuttavia, verrà spesso usato il termine “lavoro sessuale”, in primo luogo perché è il termine usato dal “sinistrismo-revisionista” che noi denunciamo per le sue pericolose mistificazioni. In secondo luogo, questo termine è usato perché le donne che vendono direttamente sesso per strada, negli appartamenti o nei bordelli sono solo un sottoinsieme di un numero molto maggiore di donne che lavorano nell'industria del sesso. La moderna industria del sesso è un'industria multimiliardaria, che genera enormi profitti sia per le multinazionali che per le bande criminali.2 L'industria del sesso è difficile da definire perché comprende una vasta gamma di attività diverse. Secondo la scrittrice Elisabeth Bernstein:

“L'ambito del commercio sessuale è cresciuto fino a comprendere: spettacoli di sesso dal vivo; tutta la varietà di testi, video e immagini pornografiche, sia in formato cartaceo che on line; club fetish; "empori" sessuali con lap dance e wall dance; agenzie di escort; sesso telefonico e contatti sessuali informatici; Luoghi di striptease "drive through"; e tour sessuali organizzati nei paesi in via di sviluppo. 3

È difficile ottenere dati precisi, ma vi è un consenso generale sul fatto che negli ultimi due decenni hanno visto una rinascita dell'industria del sesso internazionale, inclusa la prostituzione di strada, la migrazione volontaria o forzata delle donne per lavorare nell'industria del sesso e la proliferazione di club di lap dance. Quello che è certo è che l'industria del sesso è estremamente redditizia. Un rapporto del Parlamento europeo del 2004 stimava che l'industria mondiale del sesso valesse dai 5.000 ai 7.000 miliardi di dollari.4 Alcune delle società transnazionali coinvolte, come Playboy di Hugh Heffner e le catene di lap dance di proprietà di Spearmint Rhino e Foxy Lady, sono ben note. Tuttavia, molte aziende apparentemente più rispettabili traggono enormi profitti dalla fornitura di linee telefoniche e programmi via cavo e satellitari, essendo tra i fornitori di Internet per l'industria del sesso. Questi includono GM Motors (tramite DirecTV), Time Warner, News International (satellite EchoStar, AT&T) e la catena alberghiera Marriot International.

In un mondo in cui tutto è in vendita, attività come la lap dance, che una volta erano considerate oppressive per le donne, sono ora accettate come opportunità di svago tradizionali. Le lezioni di pole dance, che richiedono tacchi a spillo e pantaloncini succinti, sono ampiamente pubblicizzate come un nuovo modo per tenersi in forma. Il porno soft viene regolarmente mostrato agli sportelli dei supermercati e dei garage e la prostituzione è resa glamour in TV con programmi come The Secret Diaries of a Call Girl. Allo stesso tempo c'è stata un diffuso atteggiamento di condanna per l'omicidio di cinque giovani donne che lavoravano per le strade di Ipswich nel 2007. Questa combinazione di maggiore visibilità, normalizzazione e violenza brutale ha rivitalizzato il dibattito su come rispondere alla prostituzione e all'industria del sesso e se l'industria debba essere tollerata e riformata per migliorare la vita delle donne o totalmente osteggiata come oppressione istituzionalizzata delle donne.

Si sostiene qui che la comprensione della prostituzione e dell'industria del sesso, in generale, debba essere radicata nella comprensione dell'oppressione specifica delle donne all'interno dell'unità familiare capitalista e della crescente mercificazione del sesso, mentre il mercato si intromette negli aspetti più intimi dell'esistenza umana. In senso più ampio, questi fenomeni devono essere collocati nel contesto delle dinamiche dell'espansione capitalista, nella vasta crescita della portata globale del capitalismo della fine del 19 ° secolo e degli ultimi 30 anni, in quella che viene liberamente definita “globalizzazione”. In questi due periodi storici, i fattori che spingono le donne (e un numero molto minore di uomini) a vendere sesso si sono trasformati.

Il sesso può definirsi un “lavoro”?

Il concetto di "lavoro sessuale", ovvero secondo cui “vendere sesso” sarebbe un lavoro come un altro, è emerso negli anni '70 attraverso gruppi di difesa della prostituzione negli Stati Uniti, come Cast Off Your Old Tired Ethics (COYOTE). Si basa sull'idea che, poiché tutto il sesso è mercificato sotto il capitalismo, esso possa essere definito, in senso lato, “lavoro erotico”. Il sesso sarebbe un servizio alla persona, che può essere acquistato o venduto come qualsiasi altra attività. Il risultato di questa affermazione è di andare contro la criminalizzazione della prostituzione, ma anche di regolamentare il prossenetismo e ostacolare tutti i tentativi di sradicare l' industria prosseneta. In ultima analisi, il risultato politico di questo modo di pensare è stata l' istituzionalizzazione della lobby dei prosseneti, lobby di cui i componenti si definirebbero “lavoratori sessuali”. Alcuni attivisti contemporanei vanno oltre l'affermazione che il "lavoro sessuale" sarebbe un lavoro come un altro e sostengono che il "lavoro sessuale" sarebbe, in realtà, “superiore” ad altri lavori disponibili per le donne. Indicano vantaggi in termini di orario di lavoro, autonomia, autodeterminazione e persino soddisfazione sul lavoro.

Alcuni celebrano il "lavoro sessuale" come un diritto umano intrinseco e, in particolare, come un diritto di espressione sessuale delle donne e un'arena in cui le donne possono esercitare un controllo sproporzionato sugli uomini. A questa estremità dello spettro delle teorie sul "lavoro sessuale", ciò che è iniziato come una comprensione di come la necessità economica possa spingere le donne nell'industria del sesso, è diventata una celebrazione ed espressione dell'emancipazione delle donne. Ad esempio, Ana Lopez del sindacato GMB e dell' International Union of Sex Workers (IUSW), definisce la prostituzione una "scelta positiva" per le donne. Il sito web IUSW sostiene che la prostituzione possa dare potere alle donne:

“Le persone ottengono forza personale dalla vendita dei loro corpi perché, i loro clienti le adorano e le ammirano. Fanno tutto il sesso che vogliono e sfidano i costumi e i ruoli tradizionali loro imposti. Spesso le prostitute sono donne estremamente sane, giocose, creative, avventurose e indipendenti.”5

Tali argomenti sono accettati dall'accademico Gregor Gall che afferma sul discorso sul "lavoro sessuale":

“[È stato dimostrato che […] servizi sessuali e artefatti sessuali come merci sotto il capitalismo sia classificata non solo come lavoro ma come lavoro salariato ... [quindi] ci si può aspettare che il lavoro salariato sessuale sotto il capitalismo possa essere soggetto agli stessi ampi impulsi e dinamiche del processo di accumulazione capitalistica a cui è soggetto [a] altro lavoro salariato.”6

Gall conclude che, poiché il "lavoro sessuale" è fondamentalmente uguale ad altre forme di occupazione, genera il potenziale per un progetto di sindacalizzazione e la possibilità che le lavoratrici del sesso esercitino un'influenza collettiva per difendere e promuovere i propri interessi.

All'altra estremità dello spettro c'è il femminismo abolizionista che sostiene che tutto il sesso commerciale sia violenza contro le donne. Le proposte per migliorare la sicurezza delle lavoratrici del sesso, legittimando le loro situazioni lavorative, vengono respinte in quanto convalidano la violenza contro le donne giacché il consenso sessuale (delle lavoratrici) viene strappato dalla necessità economica (perciò non è reale) e in quando, così facendo, si depenalizzano automaticamente i prosseneti. In quest'ottica non c'è differenza qualitativa tra la “violenza” di una società che “costringe” una donna a diventare una ballerina di lap dance, e la violenza che si esprime in percosse, stupri e omicidi.

Tuttavia, noi socialisti riteniamo che il termine “sex work” sia estremamente pericoloso e fuorviante giacché si tratta di un termine eccessivamente generico e, per sua natura, “interclassista” (quindi corporativista e reazionario). Riunisce, infatti, al suo interno, categorie quali i datori di lavoro (i prosseneti e i tenutari), sia le prostitute di strada, sia le ballerine di lap dance che sono, a loro volta, inquadrate come “artiste” e “libere professioniste”.

Noi socialisti riteniamo che questo termine debba essere abolito giacché non ha assolutamente senso unire, in un' unica categoria, tipologie di “lavoro” estremamente antitetiche e che abbiano, come minimo comune denominatore, esclusivamente un generico utilizzo del proprio corpo: non è la stessa cosa, infatti, vendere l' affitto di un club privè o di un bordello-legale, non è la stessa cosa vendere la propria immagine nuda su una chat, come non è la stessa cosa farsi penetrare da decine di uomini, nell' arco di una sola giornata, in ogni orifizio, facendosi persino urinare o defecare addosso (come richiedono, spesso, allegramente, i clienti delle prostitute tedesche e olandesi nei loro bordelli perfettamente “legali”).

Non è il generico utilizzo del corpo a definire, in chiave marxista, la categoria “lavoro”.

Tra questi estremi polari dello spettro, socialisti e femministe hanno una vasta gamma di punti di vista. Tuttavia, per considerare questi argomenti è importante comprendere la relazione tra capitalismo, prostituzione e industria del sesso e l'oppressione specifica delle donne, nella società capitalista.

Capitalismo, prostituzione e industria del sesso

Sebbene sia stata denominata la professione più antica del mondo, la prostituzione non è esistita in tutte le società. Infatti, questa definizione (come “lavoro più antico del mondo”) è assolutamente un falso storico. Lo storico NJ Ringdal suggerisce che la prostituzione fosse un fenomeno culturale unico sviluppatosi, per la prima volta, in Mesopotamia e, successivamente, diffuso nelle culture circostanti in Egitto, Grecia e India.7 Tuttavia, fin dai tempi antichi, molte società del Nord America, dell'antica India Orientale e della Polinesia riportavano un alto tasso di libertà femminile e non conoscevano affatto la prostituzione.8 Pertanto la prostituzione non è stata una caratteristica inevitabile delle prime società umane. La leader del partito bolscevico Alexandra Kollontai ha contribuito a sviluppare un'analisi marxista della prostituzione, dopo la rivoluzione russa del 1917. Ha effettuato una profonda distinzione tra la prostituzione in altre epoche, come nell'antica Grecia e nell' antica Roma, e la prostituzione sotto il capitalismo.9 Nell'antichità, il numero di prostitute era assolutamente esiguo e la prostituzione era vista solo come un complemento legale ai rapporti familiari esclusivi. Nel Medioevo, durante la nascita di una notevole produzione artigianale, la prostituzione veniva accettata come lecita e non problematica. Le prostitute avevano le loro corporazioni e prendevano parte a festival ed eventi locali, proprio come qualsiasi altra corporazione.10 Comunque ribadiamo i concetti fondamentali: la prostituzione non è stato un fenomeno comune a tutte le civiltà, tantomeno a tutte le epoche storiche. Al contrario, in antichità era diffusa esclusivamente in Europa, in Mesopotamia e nell' India Occidentale. Ciononostante sempre come fenomeno assolutamente residuale e marginale, ma ampiamente tollerato.

Con l'ascesa del capitalismo tutto è cambiato. La prostituzione, nel 19 ° secolo, si esercita su vasta scala rispetto alle società precedenti. È stata alimentata dalla massiccia dislocazione sociale quando le persone sono state spinte dall'agricoltura al sistema manifatturiero. L'urbanizzazione, la povertà e la migrazione, su larga scala, hanno caratterizzato il capitalismo del XIX secolo e hanno prodotto le condizioni per la nascita dei bordelli, che sono sorti in tutto il mondo. Nel suo libro, London Labour and the London Poor, scritto negli anni Cinquanta dell'Ottocento, Henry Mayhew descriveva come le donne in attività stagionali e precarie venivano spesso spinte alla prostituzione in determinati periodi dell'anno.11 Così le “modiste”, le cui abilità erano richieste solo durante alcune "stagioni", divennero particolarmente associate alla prostituzione. L'anarco-socialista Emma Goldman ha citato uno studio chiamato Prostitution in the Nineteenth Century, per descrivere le condizioni che hanno alimentato la crescita della prostituzione:

“Sebbene la prostituzione sia esistita in tutte le epoche, […] nel XIX secolo si è trasformata in una gigantesca istituzione sociale. Lo sviluppo dell'industria con vaste masse di persone nel mercato competitivo, la crescita e la congestione delle grandi città, l'insicurezza e l'incertezza dell'occupazione, ha dato alla prostituzione uno slancio mai sognato in nessun periodo della storia umana.”12

Nel 1921, Kollontai affermò che a Berlino c'era una prostituta ogni 20 donne “oneste”. A Parigi il rapporto era di una a 18 e Londra di una a nove.13

Allora come oggi, c'era una forte relazione tra la migrazione delle donne e la prostituzione. Alla fine del XIX secolo, circa l'80% delle prostitute a Rio de Janeiro e Buenos Aires erano immigrate di prima generazione dall'Europa.14 Questo era vero per le principali città, dall'Italia all'India, con la maggior parte dei migranti provenienti dall'Europa centrale e orientale.15 L' isteria e il panico morale si sono concentrati sulla crescita di una "tratta di schiave bianche". L'affermazione che le donne bianche venivano contaminate da uomini stranieri e non bianchi ha portato avanti un'alleanza di reazionari che comprendeva la chiesa e i politici. Tuttavia, c'erano poche prove che le donne fossero state rapite o costrette. Piuttosto cercavano di fuggire dalla povertà disperata e in una certa misura ottenere l'indipendenza economica.

Lo sviluppo capitalista internazionale nel 19° secolo ha trasformato la prostituzione in un'industria del sesso internazionale. Il periodo più recente della globalizzazione e la ristrutturazione della produzione capitalistica, dagli anni '70 in poi, ha di nuovo rimodellato l'industria del sesso in quanto ha devastato la vita della gente comune, quella delle donne in particolare. Nei paesi in via di sviluppo, i programmi di aggiustamento strutturale imposti dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) hanno aumentato gli sfollamenti nelle aree rurali, aumentato la disoccupazione nelle aree urbane e portato a tagli salariali e aumento della povertà. Nelle nuove zone di produzione del Sud-est asiatico le società transnazionali calpestano il salario minimo e le leggi sulla salute e la sicurezza, lasciando le donne a lavorare in condizioni estremamente pericolose.

Le politiche neoliberiste hanno prodotto un'enorme polarizzazione tra le élite super ricche e gli emarginati e disperatamente poveri, che sono spesso spinti nell'economia informale e nell'industria del sesso per sbarcare il lunario. Ad esempio, la Russia oggi è una delle principali fonti di lavoratrici del sesso migranti e una delle principali destinazioni per le lavoratrici del sesso. Uno scrittore ha descritto l '"erotizzazione della cultura russa", nell'era post-sovietica. I nuovi super ricchi russi hanno alimentato un boom del sesso commerciale in cui "la prostituzione era pienamente incorporata nella vita, sia pubblica che privata, dalle élite post-sovietiche, che spesso si trovavano in costosi night club circondati da ragazze squillo".16Ciò ha coinciso con il drammatico crollo dell'economia e il prosciugamento di tutte le fonti alternative di occupazione. Un sondaggio, negli anni '90, ha classificato la prostituzione come ottava attività, tra i venti lavori più comuni nel paese.17

La guerra in Iraq, che ha portato sulla sua scia la distruzione dell'economia e delle strutture sociali irachene, ha aumentato l'industria del sesso. Il quotidiano Independent ha riferito che circa 50.000 donne irachene rifugiate sarebbero state costrette a prostituirsi in Siria. Nihal Hassan ha riferito di un sex club di Damasco: “Il trucco non può nascondere il fatto che la maggior parte di loro si trovano nel fiore dell'adolescenza. È uno spettacolo strano in un paese musulmano conservatore, ma questo è il business del sesso, ed è in forte espansione come risultato della guerra in Iraq”.18 L'industria del sesso è al centro di complesse reti internazionali di povertà, persecuzione legale e sfruttamento economico che costringono le donne a prostituirsi. Tuttavia, queste reti non avrebbero potuto svilupparsi, in questo modo, se non fosse stato per la prolungata oppressione delle donne nella società contemporanea.

L'espansione del capitalismo internazionale, alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo, aveva molte somiglianze con l'attuale periodo capitalista in termini di internazionalizzazione della finanza, del commercio, degli investimenti e dell'industria del sesso. Tuttavia, è necessario fare una distinzione importante. C'è stata una virtuale assenza di restrizioni all'immigrazione fino alla fine della prima guerra mondiale, mentre dalla seconda guerra mondiale è stata introdotta, nel mondo sviluppato, una legislazione sull'immigrazione sempre più repressiva e pervasiva. La legislazione anti-immigrazione non offre la possibilità, alle donne povere e non qualificate, di viaggiare in modo indipendente e lavorare legalmente, quindi diventano dipendenti dalle agenzie di reclutamento e dalle reti criminali. Mentre alcune trovano lavori poco retribuiti occupandosi delle famiglie di altre persone o delle pulizie o del catering,

Le donne migranti che lavorano nell'industria del sesso sono a rischio di espulsione, incarcerazione, molestie e abusi. Sono soggette alla deportazione e questo significa che finiscono con debiti disastrosi che non saranno mai in grado di pagare e, spesso, affrontano il rifiuto da parte delle loro famiglie. Nel Regno Unito le agenzie governative considerano le donne vittime di tratta soprattutto come aliene indesiderabili. Il fatto che possano essere vittime di violenza e sfruttamento sessuale è completamente subordinato o addirittura irrilevante per il loro status di immigrati.

Le radici dell'oppressione e della mercificazione del sesso

Le dimensioni e la natura della prostituzione e del lavoro sessuale sono state e sono condizionate dalla povertà, polarizzazione e dislocazione endemiche del capitalismo globale. Tuttavia, la prostituzione non è solo un'altra dimensione dello sfruttamento, ma deve essere compresa nel contesto dell'oppressione delle donne. Le donne non sono sempre state oppresse. Secondo Frederick Engels, l'oppressione delle donne si sviluppò con l'emergere della proprietà privata e fu successivamente trasformata dall'ascesa della famiglia borghese, che divenne il meccanismo per il trasferimento della proprietà, da una generazione all'altra.19 L'oppressione delle donne moderne è stata modellata anche dalla separazione della casa dal posto di lavoro, durante la rivoluzione industriale, e dalla conseguente creazione di una sfera separata della vita privata.

Insieme a Engels, Bebel ha sostenuto che la prostituzione è il rovescio della medaglia del matrimonio monogamico e una "istituzione sociale necessaria della società borghese".20 La prostituzione ha svolto un ruolo specifico perché l'interesse sessuale è stato rimosso dalla famiglia borghese e assegnato alle prostitute. Ci si aspettava che le donne, all'interno della famiglia, sopportassero il sesso solo come mezzo per procreare, mentre si riteneva che gli uomini avessero desideri che potevano essere saziati solo al di fuori dei confini della famiglia. Alcuni moralisti vittoriani hanno giustificato l'esistenza della prostituzione su questa base. Come ha scritto lo storico Leonore Davidoff:

“I difensori della prostituzione la vedevano come un'istituzione necessaria che fungeva da gigantesca fogna, portando via i prodotti di scarto sgradevoli ma inevitabili della lussuria maschile, lasciando la famiglia della classe media e le signore della classe media pure e immacolate.”21

Alexandra Kollontai ha scritto che la prostituzione era "l'inevitabile ombra dell'istituzione ufficiale del matrimonio, progettata per preservare i diritti della proprietà privata e per garantire l'eredità della proprietà attraverso una linea di legittimi eredi".22 Questo atteggiamento aiuta a spiegare perché la prostituzione era moralmente condannata ma tollerata e in alcuni paesi, come la Francia, a volte persino regolamentata dallo stato.

Gli studi marxisti delle radici dell'oppressione delle donne furono ravvivati, nel Regno Unito, ​​da alcuni filoni del movimento di liberazione delle donne degli anni '60 e '70.

Tuttavia, i guadagni realizzati dal movimento delle donne non sono stati sostenuti. Un'ala del movimento si è ritirata nella politica dello stile di vita individuale personale e ha sostituito la lotta collettiva, mentre l'altra, le socialiste-femministe,hanno collaborato con il Partito Laburista. Il risultato è stato quello di indebolire seriamente la capacità del movimento di sfidare la disuguaglianza sul posto di lavoro e l'oppressione delle donne, in generale. La fine del movimento delle donne, insieme alla maggiore commercializzazione del sesso, ha aperto la strada a una rinascita di nuove forme di sessismo, il cosiddetto “sessismo ironico” che ha portato alla normalizzazione delle "riviste dei ragazzi", della pornografia e del presunto “sex work”.

Oggi le donne partecipano più ampiamente alla forza lavoro e, sebbene siano stati ottenuti alcuni miglioramenti, la vera uguaglianza è ancora lontana. L'ideologia della famiglia nucleare è più forte nella realtà, la famiglia rimane centrale nel capitalismo in termini di riproduzione del lavoro e adempimento delle funzioni assistenziali. L'oppressione delle donne serve a spingere il fardello del benessere sociale sulle singole famiglie. Le donne devono fare i conti con un'ideologia post-femminista che dice loro che siano uguali e liberate, mentre in realtà persiste la disuguaglianza di retribuzione, nella responsabilità per l'assistenza all'infanzia e le varie discriminazioni sessiste.

Il capitalismo nel 21° secolo ha aumentato l'oggettivazione delle donne e la mercificazione del sesso. Il sesso è usato ovunque, per vendere tutto. Le relazioni sociali che creano la possibilità di un'industria del sesso sono profondamente radicate nelle strutture del capitalismo. Il predominio della concorrenza di mercato, sui rapporti personali, crea una situazione in cui i desideri umani vengono trasformati in merci e che possono essere vendute a scopo di lucro. Nei suoi primi scritti Marx descrisse come, nella società capitalista:

“Ogni tentativo di stabilire sull'altro un potere alieno, nella speranza di ottenere così la soddisfazione dei propri bisogni egoistici ... diventa lo schiavo [...] e sempre calcolatore di appetiti disumani, raffinati, innaturali e immaginari. Si mette a disposizione delle fantasie più depravate del vicino, asseconda i suoi bisogni, suscita in lui appetiti malsani e si avventa su ogni debolezza, in modo che possa poi chiedere i soldi per il suo lavoro d'amore.”23

Oggi siamo così abituati a una situazione in cui tutti i nostri bisogni umani sono stati trasformati in merci che sembra tutto quasi naturale. Nella loro ricerca rapace di nuovi mercati da sfruttare, le organizzazioni capitaliste sondano sempre più a fondo tutti gli aspetti della nostra vita e nel processo li trasformano ulteriormente. Quindi il denaro può comprare qualsiasi cosa, inclusa la simulazione dell'amore, ma dall'altra parte della medaglia, tutti i nostri desideri e abilità umani si contraggono concentrandosi sul consumo o su ciò che Marx chiamava “senso di possesso”:

“La proprietà privata ci ha resi così stupidi e unilaterali che un oggetto è nostro solo quando lo abbiamo, quando esiste per noi come capitale o quando lo possediamo direttamente, mangiamo, beviamo, lo indossiamo, lo abitiamo, ecc. lo usiamo.”24

La nostra capacità di provare il piacere sessuale è alienata (sopratutto nel genere maschile) e trasformata in una merce che poi desideriamo consumare. Ma questo processo trasforma la fiducia, tra uomo e donna, e la soddisfazione sessuale in obiettivi che si allontanano sempre più dalla nostra portata. Nel suo libro Female Chauvinist Pigs : Women and The Rise of Raunch Culture, Ariel Levy mostra come la crescente mercificazione del sesso e l'oggettivazione dei corpi delle donne sia diventata sempre più separata e scollegata dal piacere e dall'appagamento sessuale.25 Perciò il “sex work” non emancipa sessualmente la donna, come affermano i suoi apologeti. Al contrario, cristallizza la donna in ruoli assolutamente retrivi, oltre a frammentare tutte le comunità sociali e lo stesso tessuto sociale.

L'industria del sesso sembra ora stabilire l'agenda per numerosi programmi televisivi, che mostrano come le donne siano incoraggiate a cercare la felicità personale nella chirurgia estetica e nella moda, per conformarsi a determinati stereotipi sessuali. Negli Stati Uniti, la chirurgia estetica e le conseguenti operazioni al seno, per fini estetici, sono aumentate del 700%, tra il 1992 e il 2004. In alcuni paesi sudamericani questa procedura è un regalo standard, per una figlia, al diciottesimo compleanno.26 Le donne sono sempre più pronte a sottoporsi a una "vaginoplastica" in cui la vulva e le labbra vengono alterate chirurgicamente, per farle sembrare quelle di una pornostar di Playboy. Non potrebbe esserci alcun esempio più evidente di come le donne, in particolare, siano alienate dal loro corpo a tal punto da essere disposte a pagare purché qualcuno le tagli e le cuci, in una forma che gli viene detto le renderà più desiderabili per gli altri.

Il sesso non è immune dalle condizioni che modellano tutti gli aspetti della nostra vita. La sessualità è considerata uno degli ultimi aspetti intimi di noi stessi. Il sesso è una parte della nostra natura umana, un'esperienza che può essere appagante e una parte centrale dell'identità di un individuo. Come ha detto un economista:

“La prostituzione è il classico esempio di come la mercificazione svilisca il valore di un dono e il suo donatore, poiché distrugge il tipo di reciprocità richiesta per realizzare la sessualità umana come un bene condiviso e il riconoscimento reciproco dei bisogni di ogni partner.”27

L'apertura sul sesso e le aspettative di appagamento sessuale erano le richieste chiave del movimento di liberazione delle donne. Tuttavia, la libertà sessuale per la quale si è combattuto negli anni '60 e '70 è stata distorta e riconfezionata, come mera merce. La vendita della sessualità trasforma il corpo in un oggetto, una cosa che qualcun altro può usare. Tutte le aspirazioni all'autonomia e alla soddisfazione personale sono state brutalmente spogliate dal sesso commerciale che degrada sia le donne che gli uomini, rafforzando i pregiudizi più arcaici sui due sessi.

Dopo la rivoluzione russa del 1917, i bolscevichi credevano che la prostituzione fosse incompatibile con l'aspirazione all'uguaglianza sessuale. Hanno revocato tutte le leggi sulla prostituzione, e il primo Congresso panrusso dei contadini e delle lavoratrici ha adottato lo slogan “Una donna della Repubblica del lavoro sovietica è una cittadina libera con uguali diritti, e non può essere e non deve essere oggetto di compravendita". Nonostante questi proclami, la prostituzione in Russia è cresciuta dopo il 1917, principalmente a causa delle dure circostanze economiche che hanno prevals negli anni successivi. È stata affrontata in modo incoerente con i bordelli che operavano apertamente in alcune zone, mentre in altre zone le prostitute sono state arrestate.

L'opinione di Kollontai era che la prostituzione fosse sbagliata, non per motivi morali, ma perché impediva alle donne di contribuire alla società socialista. Inoltre, ha sostenuto che la prostituzione rappresentasse una minaccia per la nuova moralità socialista, perché distrugge la solidarietà tra uomo e donna e il cameratismo nella classe operaia. Pertanto la lotta alla prostituzione si è svolta su due fronti: il primo garantendo l'uguaglianza economica delle donne e la loro partecipazione alla forza lavoro, il secondo introducendo mense, lavanderie e asili nido collettivi per sollevare le donne dall' eccessivo carico domestico.28

C'è stato anche un vivace scambio, sulla questione della prostituzione e della sessualità, tra la socialista tedesca e l' attivista per i diritti delle donne Clara Zetkin e Lenin. Lenin riconosceva che le prostitute erano doppie vittime della società borghese - "vittime, prima del suo maledetto sistema di proprietà e poi della sua maledetta ipocrisia morale". Tuttavia, ha condannato gli sforzi di una donna comunista, ad Amburgo, per aver “organizzato le prostitute” in un sindacato, definendo l' atto come "deviazione morbosa". Ha sostenuto che i socialisti dovrebbero concentrarsi sull'organizzazione delle donne dove hanno potere collettivo (ovvero nelle fabbriche), nei luoghi di lavoro, e quindi trasformare l'intera società. La stessa Zetkin disprezzava le "vuote chiacchiere delle donne borghesi" che moralizzavano sui mali della prostituzione: sosteneva che senza un lavoro ben retribuito per le donne, qualsiasi discussione sull'abolizione della prostituzione fosse una sciocchezza (poiché, comunque, le donne povere avrebbero continuato ad utilizzare la prostituzione come “strategia di sopravvivenza”).29

Alcuni attivisti e accademici sostengono che la prostituzione sia un lavoro come un altro in quanto le prostitute negoziano le tariffe salariali per il servizio che svolgono, hanno il controllo sulle loro condizioni di lavoro, ed esercitano una maggiore autonomia rispetto alle donne lavoratrici a basso reddito e di basso status. Tuttavia, la possibilità di un'organizzazione collettiva sul lavoro sessuale si basa sulla condivisione delle condizioni lavorative, su un datore di lavoro comune e sui reclami condivisi, che possono essere contrastati. Questo non è sempre vero e non si verifica. Al contrario, è falso anche quando si tratta di escort di lusso.

Le lavoratrici del sesso affrontano enormi barriere nella loro capacità di organizzarsi collettivamente per migliorare la retribuzione e le condizioni. Le donne coinvolte nella prostituzione di strada sono emarginate, isolate e disperate, dove c'è poca possibilità di lottare per tariffe collettive per il lavoro, di negoziare collettivamente con i clienti o di contribuire a regimi pensionistici. Nel Regno Unito le donne che lavorano per strada sono per lo più escluse dalla società, come adolescenti in fuga, tossicodipendenti e migranti privi di documenti che si rivolgono alla prostituzione come mero mezzo di sopravvivenza. Non è affatto chiaro se le prostitute di strada desidererebbero essere incorporate nella società civile come "lavoratrici del sesso", anche se questa opzione fosse loro aperta. Al contrario, penso che le prostitute di strada preferirebbero “uscire dal giro” visto che un gran numero di esse risultano essere vittime di tratta. Non tutte coloro che vendono sesso si considerano "lavoratrici del sesso" o desiderano essere riconosciute come tali. L' esempio della Germania e dell' Olanda, in cui i postriboli sono perfettamente legali e in cui esisterebbero i famigerati “Sindacati di Sex Workers”, dimostrano che solo un' esigua minoranza di donne, ha fatto questa scelta (di iscriversi ad un “sindacato di sex workers” e pagare le tasse”), dopo diversi anni di regolamentazione. La stragrande maggioranza delle donne preferisce essere anonima e, possibilmente, continuare a fatturare a nero.30

Lo spiega la Raccomandazione del 2013 del Consiglio d'Europa sullo sfruttamento sessuale e la prostituzione: una percentuale fra il 75 e l'80% di donne reclutate dalle case del sesso olandesi e tedesche risulta essere stata vittima di tratta, contro la propria volontà. Germania e Paesi Bassi sono ai primi posti nella classifica dei paesi europei più coinvolti nella tratta delle donne. In questi due paesi si valuta che nel 2012 esercitavano il meretricio almeno 400 mila donne, ma quelle che erano registrate regolarmente nei registri fiscali erano solo 44. Uno dei tanti esempi che dimostrano il totale fallimento della retorica regolamentarista.

1University of Leicester, Criminology, Student Sex Work

Developing Good Practice within Higher Education: Student Sex Work, Safety and Inclusion, su internet: https://le.ac.uk/criminology/research/student-sex-work, ultimo accesso: 20 marzo 2021.

2 Times Higher Education, 11 dicembre 2008, revisione del lavoro della dott.ssa Teela Sanders.

3 Bernstein, 2001.

4 Gall, 2006.

5 www.isuw.org

6 Gall, 2006, p. 35.

7 Ringdal, 2004.

8 Ringdal, 2004.

9 Kollontai, 1921 a Holt, 1977.

10 Kollontai, 1921 a Holt, 1977.

11 Mayhew, 1861.

12Goldman che cita Blaschko in Innes, 2000.

13Kollontai, 1921.

14Ringdal, 2004.

15 Gibson, 1986.

16 Avgerinos, 2007.

17 Avgerinos, 2007.

18 Indipendent, domenica 24 giugno 2007.

19 Bebel, 1879 ed Engels, 1972.

20Bebel, 1879 ed Engels, 1972.

21Davidoff, 1995.

22 Kollontai, 1921, in Holt, 1977, p. 20.

23 Marx, 1975, p. 356.

24 Marx, 1975, p. 351.

25 Levy, 2006, p. 22.

26Levy, 2006, p. 158.

27 Anderson, 1993, citato in Van der Veen, 2001.

28 Kollontai, 1921, in Holt 1977.

29 citato in Ringdal, 2004, p. 267.

vvv30 O'Connell Davidson, 2006.

30 O'Connell Davidson, 2006.

Ultima modifica ilDomenica, 21 Marzo 2021 15:11
Devi effettuare il login per inviare commenti