Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Brevi cenni su Chruščëv e l’inizio della distruzione dello Stato socialista sovietico le cui cause sono indietro nel tempo

di Manuel Santoro

Il gruppo dell’Emancipazione del lavoro di Plekhanov è da considerarsi il primo nucleo che si prese la briga di divulgare e diffondere in Russia i lavori di Marx ed Engels, traducendo anche varie opere, in una Russia devastata dall’autocrazia zarista e dalla ingordigia della classe dei proprietari fondiari, da una parte, e dalla propaganda pseudo-socialista dei populisti, dall’altra. Siamo a metà degli anni ’80 del XIX secolo, esattamente nel 1883. Diciassette anni addietro rispetto all'uscita del primo numero dell’Iskra; trentaquattro anni addietro, il doppio, rispetto alla rivoluzione d’ottobre. [1]

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Esteri

Zia Martuchis, sorella maggiore e figlia consacrata

di Maryory Ortiz e Martha Alvarez

Il lavoro nel giornalismo è stato essenziale per Gabriel José de la Concordia García Márquez nel suo cammino verso il Premio Nobel per la Letteratura. Ma questa fondamentale attività per la democrazia, condotta da García Márquez, era piena di eventi imprevisti, insidie, paure, minacce, espatrio volontario, divieto di ingresso negli Stati Uniti, protezione dei messicani e morte in esilio. Le condizioni lavorative dei giornalisti colombiani degli ultimi decenni non hanno conosciuto maggiori cambiamenti, il rischio alla propria incolumità è ancora grande vista la insofferenza di alcuni settori del potere e della vita socioeconomica alla verità pubblica. 

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Esteri

La tìa Martuchis, gran hermana e hija consagrada

por Maryory Catherin Ortiz y Martha Alvarez

El trabajo en el periodismo ha ayudado a Gabriel José de la Concordia García Márquez en su camino hacia el Premio Nobel de Literatura. Pero esta actividad fundamental para la democracia, al ser realizada por García Márquez estuvo llena de imprevistos, miedos, amenazas, expatriación voluntaria, prohibición de ingreso a los Estados Unidos, la protección de los mexicanos y la muerte en el exilio.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Economia

Aggiornamento del modello economico a Cuba: dal socialismo reale al socialismo possibile

di Efrain Echevarria Hernández

¨Se vuoi ottenere risultati diversi, devi sperimentare cose diverse¨ - Albert Einstein

Traduzione di Maddalena Celano

Il modello socialista noto come "Real Socialism" è fallito nell'Europa dell'Est. Molto è stato scritto sui suoi limiti, vi sono anche molte teorie e modelli che cercano di spiegare le dinamiche di questo processo. Dal 1959, il modello stabilito a Cuba ha assunto molti elementi di quel modello non riuscito. Tuttavia, il socialismo a Cuba sopravvive, fino ad oggi, nel bel mezzo di circostanze estremamente difficili. Ma come è stato possibile? Quali fattori spiegano la sopravvivenza del socialismo a Cuba? Perché tutte le previsioni e le teorie che spiegavano che il sistema cubano non avrebbe resistito, alla caduta dell'ex Unione Sovietica, hanno fallito?

Leggi tutto...

Efficienza e democrazia

di Renato Gatti

Un’alternativa attuale

Nel mondo politico da qualche tempo viene posta l’alternativa tra efficienza e libertà, che tradotta in altri termini più articolati potrebbe essere declinata come segue: è meglio tenersi il sistema democratico anche se sempre più zoppicante e incapace di scelte tempestive, efficaci o è meglio adattarsi ad una “democrazia illiberale”, ad un sistema politico più autorevole capace di interventi capaci di risolvere i problemi senza tante complicazioni.

Leggi tutto...

Divisione del lavoro, classi sociali e Stato

di Manuel Santoro

Con la produzione delle merci venne la coltivazione della terra da parte di individui per proprio conto, e conseguentemente la proprietà fondiaria individuale. Più tardi venne il denaro, la merce universale, con la quale tutte le altre erano scambiabili.” [1]

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Economia

Lotta e coscienza di classe

di Renato Gatti

La folla sfoga la sua rabbia: “Fuori, fuori”, urla, e ancora “Via, via” all’indirizzo degli immigrati in un clima che assume toni di intolleranza. Dall’alto un giovane bulgaro, rabbioso, scaglia una sedia verso il basso, e tra i manifestanti scatta la reazione: vengono lanciati sassi contro le vetture con targa bulgara, infranti i vetri e strappate le targhe poi mostrate come trofei. Qualcuno prova senza riuscirsi a sfondare il cordone delle forze dell’ordine. Un furgoncino viene dato alle fiamme con una molotov.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Esteri

Médicos cubanos de Lombardia ya están en casa

por Luis Darío Martos González

Si, ya están en casa. Los médicos cubanos y el resto del personal que acudió a la región italiana de Lombardia en gesto solidario para la lucha contra la Covid-19, ya están en casa luego de la cuarentena de 14 días al regreso de la península itálica. Fueron recibidos por el Presidente cubano Miguel Díaz-Canel Bermúdez y otras personalidades políticas y estatales; se les brindó todo el reconocimiento de la nación y del pueblo en el diálogo que sostuvo con ellos el Presidente cubano en el Centro Internacional de Aislamiento La Pradera, después partieron a sus respectivas provincias y municipios donde fueron agasajados por autoridades territoriales y locales y donde el pueblo les brindó la cálida acogida antes de ser recibidos en sus barrios por los vecinos y familiares.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS