Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

  • Pubblicato in Cultura

L'eco di Eraclito in Marx

L’eco di Eraclito e di Aristotele nella dialettica del Capitale di K. Marx

Néstor Kohan pubblicato il 24 giugno, 2018

Traduzione di Maddalena Celano

Il fantasma insepolto della dialettica

Il "pensiero contemporaneo" auto-potenziato, in gran parte egemonizzato dalla metafisica "post" (postmodernismo, post-strutturalismo, post-marxismo, ecc.), ha prodotto, negli ultimi decenni del XX secolo e all'inizio del XXI, il certificato di morte della logica dialettica (Jameson, 2013: 32). Non solo è stata abbandonata come epistemologia critica del sistema mondiale, basata sul mercato e sul capitale, ma viene anche espulsa dalla filosofia e dalle scienze sociali e ostracizzata.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Economia

La validità dell'analisi marxista: un dibattito incompiuto

di Efraín Echeverría Hernández e traduzione di Maddalena Celano

Sinossi

Ogni generazione di professionisti dell'economia legge e pratica la Teoria Economica che la precede o quella contemporanea dal proprio punto di vista, senza volerlo, pochissimi interpretano dal punto di vista dell'autore che le ha create. Questo punto di partenza crea, generalmente, analogie metodologiche tra visioni presumibilmente diverse sulla soluzione dei problemi economici e le loro interpretazioni ideologiche.

Leggi tutto...

L’educazione e il partito

di Manuel Santoro

Negare in linea di principio i compromessi, negare in linea generale che i compromessi di qualsiasi natura siano ammissibili, è una cosa puerile, che è persino difficile prendere sul serio. Un uomo politico che voglia essere utile al proletariato rivoluzionario deve saper distinguere i casi concreti dei compromessi inammissibili, in cui si esprimono l’opportunismo e il tradimento.” [1] E per distinguere l’opportunismo e il tradimento dalla giusta mossa tattica che favorisce la lotta della classe operaia contro il capitale, l’uomo politico deve essere educato poiché “soltanto da una lunga opera d’istruzione e di educazione, soltanto dallo studio, dall’esperienza politica, dall’esperienza della vita” [1] è possibile utilizzare la tattica per sconfiggere un formidabile avversario di classe quale la borghesia.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Cultura

Partito del “Dictionnaire Critique du Marxisme” di Labica e Bensussan

Traduzione dal francese di Lamberto Consani

Introduzione al testo di Lamberto Consani e Manuel Santoro

La prima fase della società senza classi, della società comunista pienamente realizzata è il socialismo, in cui “il diritto borghese non è completamente abolito, ma solo in parte, soltanto nella misura in cui la rivoluzione economica è compiuta, cioè unicamente per quanto riguarda i mezzi di produzione. Il diritto borghese riconosce la proprietà privata su questi ultimi a individui singoli. Il socialismo ne fa una proprietà comune.” (V. Lenin, Stato e rivoluzione).

Leggi tutto...

8 marzo 2020: dibattiti nell’ odierno femminismo.Il marxismo (e, quindi, il femminismo materialista) è strutturalmente abolizionista!

Intervista a Maddalena Celano, della segreteria nazionale di Convergenza Socialista

Clara Treves:

Il dibattito sulla prostituzione non è una novità nel movimento femminista. Tuttavia, nei mesi precedenti, abbiamo assistito ad un aumento della controversia che circonda questo problema, all'interno delle assemblee organizzative dello sciopero femminista, che ha conosciuto nuovi scontri tra le abolizioniste e le regolamentariste.

Maddalena Celano:

I marxisti sono contrari alla regolamentazione della prostituzione. Siamo contrari ai postulati liberali che difendono la "libertà" delle donne di commercializzare il proprio corpo. Non esiste tale libertà. 

Leggi tutto...

La politica del “lavoro sessuale” é compatibile con il marxismo e la sinistra?

di Maddalena Celano

Il Manifesto del Partito comunista fa riferimento alla sessualità in due modi: attraverso l’analisi della famiglia e attraverso l’analisi della prostituzione, che sono presenti in tutti gli scritti di Marx.  Le prostitute sono esseri sociali che per definizione vivono al di fuori della società, classificate né come lavoratrici, né borghesia, ma sempre come “sottoproletariato” (lumpen).

Leggi tutto...

La sfida femminista nella storia socialista

di Maddalena Celano

É opportuno rivedere alcuni dibattiti tra femminismo e marxismo. Pur riconoscendo i risultati della storia delle donne, è fondamentale analizzare i tentativi di fondare una storia del femminismo, della teoria patriarcale e del post-strutturalismo.  Cercando di comprendere cosa costituisca una teoria della storia, si sostiene che sia il patriarcato che il post-strutturalismo non possano sostenere la nozione di storicità. Il dibattito sulla legislazione protettiva nella Gran Bretagna, nel diciannovesimo secolo, è vista come esempio di  divergenze tra interpretazioni marxiste e femministe. 

Leggi tutto...

Il populismo si combatte e si vince con il classismo

di Manuel Santoro

“Quando il gruppo dell’Emancipazione del lavoro impegnò la lotta per il marxismo nella stampa russa all’estero, il movimento socialdemocratico non esisteva ancora in Russia. Era indispensabile innanzitutto aprire la via a questo movimento sull’arena teorica e ideologica. E il più grosso ostacolo ideologico alla diffusione del marxismo e del movimento socialdemocratico era, in quel tempo, costituito dalle concezioni populiste, prevalenti allora tra gli operai d’avanguardia e gli intellettuali di ispirazioni rivoluzionarie” [1].

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS