Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

La rivoluzione culturale in Cina

di Mario Eustachio De Bellis 

"Fare il bilancio dell'esperienza acquisita nel consolidamento della direzione del Partito" (gennaio 1972) Edizioni La Città del Sole 2016.

Dopo la seconda Sessione plenaria del IX Comitato Centrale del Partito, conformemente alle direttive "leggere e studiare coscienziosamente per impadronirsi del marxismo" e condurre una campagna di educazione sull'ideologia e la linea politica" date dalla nostra grande guida, il presidente Mao, in tutto il Partito si è iniziata e si è andata via via approfondendo una campagna di critica del revisionismo e di rettifica dello stile di lavoro; la campagna ha dato risultati evidenti e ha riportato grandi vittorie.

Leggendo coscienziosamente le opere di Marx, di Lenin e del presidente Mao, la massa degli iscritti al Partito, in particolare i quadri di livello superiore, hanno aumentato la loro consapevolezza riguardo alla lotta di classe, alla lotta tra le due linee e alla continuazione della rivoluzione sotto la dittatura del proletariato, facendo un passo in avanti nella denuncia e nella critica dei truffatori tipo Liu Sciao-ci.

Nuovi Comitati di Partito di ogni livello sono stati fondati e il Movimento di lotta-critica -trasformazione della Grande Rivoluzione Culturale Proletaria si sta sviluppando in profondità.

Rafforzare il concetto di Partito. Come ci insegna il presidente Mao: "Il Partito Comunista Cinese è il nucleo dirigente di tutto il popolo cinese. Senza questo nucleo dirigente, la causa del socialismo non può trionfare".

Ultima modifica ilDomenica, 17 Luglio 2022 09:04
Devi effettuare il login per inviare commenti