Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Sanità alla deriva

di Giandiego Marigo

Ho di recente affrontato l'argomento Sanità, ma gli avvenimenti impongono una ripresa. Nel precedente articolo qui riportato, si affrontava l'argomento in termini generali e, tutto sommato, moderati. Con la speranza che una sorta di mobilitazione dal basso potes,se rispondere, in qualche modo ad una situazione che va rapidissimamente deteriorandosi in modo irreparabile.

Nell'assoluto silenzio di quella che chiamammo sinistra, ormai completamente persa dietro a seconde fasi, mascherine e banchi con le rotelle e canti partigiani o meno dai balconi.

Vi sono accadimenti minuti e non che sono ampiamente indicativi dello stato di abbandono della sanità pubblica. Carenza di personale, assoluta assenza di una forma di assistenza territoriale. Lo stuolo dei medici di famiglia che tutto fanno salvo che i medici, che poi sfociano in casi esemplari, anche se locali, che sono la cartina al tornasole di una situazione gravissima, completamente e strumentalmente ignorata dalla politica, che dietro al paravento della pandemia porta avanti la privatizzazione totale della sanità e l'oggettivo abbandono degli ultimi (leggi qui).

L'esempio illustrato nel link che vi sottoponiamo è locale, come s'è detto, ma fortemente indicativo, della logica lombarda, e quindi nazionale, e della deriva che la sanità sta subendo.

Mentre aumentano le soluzioni reali e scientificamente provate: dal Plasma dei guariti alle luci led blu (ricerca dell'Università di Siena non del complottista di turno) - leggi qui. Il governo sembra fare orecchie da mercante nella spasmodica attesa di un vaccino (improbabile per nulla sicuro). Quasi che la voce di questi scienziati non esistesse, quasi che l'unica soluzione ed argine fosse quella prospettata dai servi di big pharma e di Bill Gates (che com'è noto lo fanno per altruismo).

Applicando nella scuola regole al limite della stoltezza che segneranno i bambini, soprattutto i più piccoli in modo indelebile ed irrecuperabile; mentre riduce la sanità ad un coacervo paranoico e inefficiente. Trascurando in modo cosciente, colpevole e doloso l'assistenza territoriale ed il suo rafforzamento necessario. Preferendo ordini mostruosi di mascherine al nuovo re della loro produzione il prode John Elkann della FCA, piuttosto che l'impegno preventivo di milioni di euro nei confronti delle operazioni commerciali del suer-vaccinista Bill Gates, appunto.

Rendendo prioritario il rafforzamento del connettività 5G, seguendo le indicazioni del consulente Colao (per nulla in conflitto di interessi, ovviamente) e distribuendo a pioggia denari che le regioni, sotto ricatto, fuori controllo e fondamentalmente politicamente fragili regalano poi ai privati (intesi come imprenditori amici).

Mentre tutto questo avviene, la sanità pubblica, senza fondi, senza energie umane viene sottoposta allo stress della gestione di un'emergenza che potrebbe essere trattata diversamente e mostra in modo drammatico tutti i propri limiti (leggi qui).

Sommergendoci di chiacchiere, di atteggiamenti repressivi ed intimidatori, spingendo gli italiani l'uno contro l'altro in referendum dispendiosi e tutto sommato inutili. Permettendo ai media, e perdonatemi se credo lo si faccia scientemente, di usare il terrorismo sanitario come argomento privilegiato e spesso malissimo gestito. In una relativizzazione della verità che lascia spazio, mi sia consentito il dirlo, alle illazioni peggiori.

Contemporaneamente a questo generale abbandono dello Stato Sociale in nome della pandemia o meglio nascondendosi dietro ad essa si procede, quasi casualmente (ma voi credete ancora a coincidenze e caso?) alla delegittimazione della politica, del parlamento della struttura stessa della democrazia (cercando di convincerci che il problema siano i servi e non l'uso che il potere ne fa).

Chi scrive crede che il socialismo sia la soluzione, non è mai stato innamorato della democrazia liberale, ma è da vedere il disastro sociale, morale, etico e spirituale che lo sfrenato liberismo moderno sta producendo nell'umanità intera.

La Sanità, la Scuola, lo Stato Sociale, lo stato prostrato e desolato del mondo del Lavoro sono lì, davanti ai nostri occhi per dimostrarci che, come dice il medico nel primo link che riportiamo “STIAMO SBAGLIANDO TUTTO!”. L'indifferenza e l'ignavia con cui viene accolta la loro metodica distruzione invece ci dimostra cosa stiano facendo a noi, ai nostri cervelli ed alle nostre anime.

Ultima modifica ilSabato, 26 Settembre 2020 09:26
Devi effettuare il login per inviare commenti