Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

Il partito e la classe operaia

di Manuel Santoro

Dal rapporto del lavoro estraniato con la proprietà privata segue inoltre che l’emancipazione della società dalla proprietà privata, ecc., dalla schiavitù si esprime nella forma politica dell’emancipazione degli operai, non già come se si trattasse soltanto di questa emancipazione, ma perché in questa emancipazione è contenuta l’emancipazione universale dell’uomo; la quale è ivi contenuta perché nel rapporto dell’operaio con la produzione è incluso tutto intero l’asservimento dell’uomo, e tutti i rapporti di servaggio altro non sono che modificazioni e conseguenze del primo rapporto.” [1]

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Sociale

Perchè i lavoratori votano a destra?

di Renato Gatti

I risultati elettorali, e ciò da parecchi anni, fanno registrare uno spostamento dei voti di quella che si definisce classe operaia, dalla sinistra prima ai 5stelle e poi alla Lega, o comunque verso l’astensione, anche se io credo che non sia vero che gli astenuti siano tutti di sinistra; ritengo invece che gli astenuti siano indifferenti alla chiamata alle urne in quanto sono indifferenti alla politica o quantomeno non trovino nell’offerta politica nessuna attrattiva o collimanza di interessi. O forse l’astensione elettorale è uno strumento mediante il quale la classe dominante opera in modo da mantenere la debolezza relativa dell’antagonista sollecitandone l’apatia.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS