Rivista aperiodica teorica del Socialismo
Organo politico di Convergenza Socialista

  • Pubblicato in Sociale

No alle trivelle! E qualche conclusione tanto per...

di Giandiego Marigo

Il 15° ed ultimo punto proposto alla discussione ed affidato alla dialettica è il NO TRIV.

No alle trivelle che deturpino e distruggano le nostre coste, No al Fracking che già tanti danni ha procurato all'ambiente, ammesso di non considerare le possibili connessioni non ancora del tutto dimostrate, ma altissimamente probabili con il dissesto geologico, quando non addirittura con i terremoti.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Sociale

Conoscere ed essere il proprio territorio

di Giandiego Marigo

Censimento dei valori territoriali che renda l'immagine di cosa esista realmente sul territorio e possa essere valorizzato ed implementato.

No eolico selvaggio, No biomasse senza criterio, No carbone e nucleare, organizzazione di una “filosofia energetica” d'alternativa, valorizzazione del risparmio energetico del criterio sano di decrescita, valorizzazione della ricerca scientifica nel campo delle energie alternative e sostenibili. Valorizzazione del solare di ultima generazione, dell'eolico leggero e delle ricerche sul movimento delle acque.

Studio approfondito e scelte conseguenti orientate alla tutela della salute, della sostenibilità e compatibilità nel settore del trattamento dei rifiuti, privilegiando le scelte virtuose dedicate al riciclo ed alla pratica reale del “rifiuto zero”.

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Sociale

Tessuto, Sinergia, Connessione, Circolarità ed Orizzontalità. Una società sana è creativa per propria intrinseca natura

di Giandiego Marigo

11) Valorizzazione delle capacità intrinseche del territorio, con case editrici letterarie e musicali cooperative, più o meno autogestite, ma certamente controllate democraticamente, valorizzazione delle capacità artigianali e delle valenze artistiche figurative e cinematografiche, creazioni di “Mercati d'alternativa” che sfuggano alle leggi di un mercato funzionale unicamente al profitto per lavorare sui bisogni e sulle qualità.

12) Rilancio della Cultura diffusa, liberando i comuni dai laccioli che impediscono una reale Funzione di stimolo e volano in questo senso, creazione di una rete stabile di intellettuali, insegnanti ed operatori culturali che lavori in tale direzione. 

Leggi tutto...
  • Pubblicato in Sociale

Scuola, misura della nostra civiltà

di Giandiego Marigo

8) Reintroduzione nella scuola dell'educazione civica, con particolarissima attenzione all'insegnamento del “controllo democratico dal basso” anche con strutture di reale controllo della scuola pubblica da organismi collettivi territoriali misti e con simulazione del lavoro politico reale e della struttura istituzionale del Paese. Interruzione dei finanziamenti alla scuola privata

Leggi tutto...

Sul superamento delle barriere storico-ideologiche tra socialismo e comunismo

di Manuel Santoro

Il Socialismo Largo Organizzato, per essere costruito, implica l’eliminazione delle incrostazioni storico-ideologiche tra socialismo e comunismo. Questa rivista e il partito della Convergenza Socialista, da subito, hanno rivendicato la necessità di una rifondazione del socialismo inteso in senso largo, di classe, in cui le differenze in effetti non esistono. Ciò, in effetti, dipende da cosa si intende per socialismo.

Leggi tutto...

Il socialista è sia riformatore che rivoluzionario

di Manuel Santoro

Riforma e rivoluzione sono gli strumenti del partito per arrivare al socialismo

Dobbiamo chiarirci su alcuni termini da usare. Alcuni, leggendo gli editoriali, gli scritti che regolarmente vengono pubblicati su questa rivista, ritengono che parole come ‘proletariato' e ‘borghesia' siano ormai antiquati. Forse lo sono, ma lo sono in modo direttamente proporzionale alla sconfitta culturale del socialismo. Almeno sino ad oggi. Coloro che mi rimproverano l’uso di terminologia, per lor signori, antiquata forse hanno le stesse timidezze quando devono citare altre espressioni quali ‘lavoratori’, 'lotta di classe, 'coscienza di classe'.

Leggi tutto...

Per ricominciare prendiamo esempio dal passato per riformulare il futuro...evitando gli errori

di Manuel Santoro

Anno 1892. Nasce a Genova il Partito dei Lavoratori Italiani che fonde in sé l’esperienza del Partito Operaio Italiano (nato nel 1882 a Milano), della Lega Socialista Milanese (d’ispirazione riformista, fondata nel 1889 per iniziativa di Filippo Turati) e di molte leghe e movimenti italiani che si rifanno al socialismo di ispirazione marxista.

[1] Il Partito dei lavoratori italiani si caratterizzava per tre punti chiave di chiara derivazione marxista: 1) la lotta di classe; 2) la socializzazione dei mezzi di produzione; 3) la costituzione di un partito di classe.

Leggi tutto...

Da che cosa cominciare?

Il Manifesto del Socialismo

Sul socialismo largo organizzato inteso come sistema della società strutturalmente alternativo al capitalismo

di Manuel Santoro

Le società moderne sono dilaniate da processi di impoverimento progressivo di tipo culturale e sociale da diversi decenni. Il capitalismo finanziario ha, da un lato, progressivamente distrutto, con la complicità della politica, lo stato sociale il quale era da considerare il minimo sindacale, l’ultimo baluardo agli egoismi di pochi e, dall’altro, spostato con forza crescente pezzi di ricchezza dai meno abbienti ai più ricchi.

Leggi tutto...

Strategia, socialismo largo organizzato e tattica

di Manuel Santoro

Prima di arrivare al concetto di socialismo largo organizzato, è necessario ricordare il nostro obiettivo politico: il completo superamento del sistema capitalista con il socialismo, quest’ultimo definito come “sistema della società che si basa sulla proprietà comune e sul controllo democratico dei mezzi e degli strumenti di produzione e di distribuzione della ricchezza nell’interesse dell’intera comunità” (Partito Socialista del Regno Unito, 1904).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS